19:20 16 Agosto 2017
Roma+ 28°C
Mosca+ 21°C
    Profughi (foto d'archivio)

    “Le tensioni tra Russia e Turchia porteranno una nuova ondata di profughi in Europa”

    © AFP 2017/ ARMEND NIMANI
    Politica
    URL abbreviato
    1771140

    L'escalation delle tensioni nelle relazioni tra Russia e Turchia a seguito dell'incidente con il caccia-bombardiere Su-24 potrebbe portare ad un aumento del flusso di profughi nei Paesi europei, ha dichiarato l'ambasciatore della Bulgaria in Turchia Nadezhda Neynsky.

    Il conflitto tra Mosca e Ankara influenzerà la situazione economica della regione e potrebbe innescare una nuova ondata di profughi, ha dichiarato oggi l'ambasciatore della Bulgaria in Turchia Nadezhda Neynsky.

    "Per la Bulgaria il rischio dell'escalation delle tensioni nelle relazioni russo-turche sta nel possibile aumento dell'afflusso di profughi," — l'agenzia "Novinite" riporta la dichiarazione dell'ambasciatore; inoltre si rileva che la Bulgaria corre il rischio che si esasperi la frattura tra i sostenitori e gli oppositori di Russia e NATO oltre all'aumento del numero di migranti.

    La Neynsky ha inoltre sottolineato che la soluzione per questa situazione di tensione tra i due Paesi dopo l'abbattimento del jet Su-24 richiede dialogo e diplomazia.

    "E' ovvio che una soluzione deve essere trovata. Occorre il dialogo. Sicuramente il conflitto militare non è la via d'uscita," — ha evidenziato l'ambasciatore.

    Ieri in Siria è precipitato il bombardiere russo Su-24. Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che l'aereo è stato abbattuto da un missile di tipo "aria-aria"di un jet turco F-16 sul territorio siriano e l'aereo è precipitato in Siria, a 4 chilometri dal confine con la Turchia.

    Il presidente russo ha definito il fatto "una pugnalata alla schiena" dei complici dei terroristi.

    Correlati:

    Caccia russo abbattuto: nel mirino della NATO non l’ISIS, bensì Mosca
    La Russia reagirà all'abbattimento del caccia Su-24 con aumento raid contro ISIS
    Turchia, premier: Non vogliamo troncare le relazioni con la Russia
    Svezia non è più in grado di accogliere profughi
    Per colpa dell'ISIS più profughi in Europa
    UE non ha soldi per contenere il flusso dei profughi
    Tags:
    Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, profughi, migranti, Crisi dei migranti, Unione Europea, Nadezhda Neynsky, UE, Russia, Bulgaria, Turchia, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik