04:04 20 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 18°C
    Cremlino

    Il Cremlino annuncia “misure pesanti” contro la Turchia

    © Sputnik. Alexander Vilf
    Politica
    URL abbreviato
    84181414

    La Russia è pronta a tagliare i progetti comuni di business e a porre fine alla cooperazione militare con la Turchia a seguito dell'abbattimento del caccia-bombardiere Su-24 dell'Aviazione russa nei cieli della Siria. Lo scrive il giornale russo "Kommersant", citando fonti di alto rango nelle autorità.

    L'interlocutore del giornale nel Cremlino ha dichiarato che le decisioni nei riguardi di Ankara saranno "dure" e avranno un serio impatto sulle relazioni russo-turche in molti settori.

    In particolare "Gazprom" valuterà se continuare o meno il progetto sul gasdotto "Turkish Stream".

    Inoltre potrebbe ritrovarsi a rischio il più grande affare energetico tra i due Paesi: la costruzione da parte della società russa "Rosatom" della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Il valore del progetto è stimato in 22 miliardi di dollari, rendendolo di fatto il più grande nel portafoglio della società statale russa.

    Rischiano anche altri settori tipici della cooperazione russo-turca. Secondo l'Organizzazione Mondiale del Turismo, nel 2014 i ricavi dal settore turistico in Turchia sono stimati in 96 miliardi di dollari, pari al 12% del PIL, che la Banca Mondiale stima in 799,5 miliardi di dollari. L'industria del turismo fornisce 2 milioni e 770mila posti di lavoro, ovvero il 9,4% dell'occupazione globale.

    Il contributo dei turisti russi nel PIL della Turchia è stimato in 4 miliardi di dollari (dati del 2014).

    Inoltre, il presidente dell'Associazione dei produttori dell'industria tessile russa Shamkhal Ildarov ha inviato una lettera al governo chiedendo ai cittadini di rinunciare all'acquisto delle merci prodotte in Turchia.

    Ildarov ha chiesto di prendere in considerazione la possibilità di introdurre sanzioni sui prodotti tessili provenienti dalla Turchia durante le indagini sull'abbattimento del caccia russo Su-24 nei cieli della Siria.

    A sua volta la Turchia, come osserva il giornale, potrebbe limitare il passaggio delle navi russe attraverso il Bosforo e lo Stretto dei Dardanelli, in particolare dei mezzi impiegati per le forniture di materiali alla base aerea russa di Hmeymim in Siria.

    Tuttavia, secondo la Convenzione di Montreux del 1936 che regola il traffico navale in questa parte di mare, Ankara ha diritto ad introdurre limitazioni solo se minacciata dalla guerra. Tuttavia anche in questo deve essere salvaguardata la libertà della navigazione mercantile, anche se con alcune limitazioni. Il divieto totale potrebbe essere introdotto da Ankara solo se la Turchia stessa entrerà in guerra.

    Correlati:

    Medvedev accusa Turchia: difende ISIS
    Terrorismo, Lavrov: cittadini russi evitino viaggi in Turchia
    Putin: Turchia si comporta come se fosse stata la Russia ad abbattere un jet turco
    Lavrov cancella la sua visita in Turchia
    Tags:
    Nucleare, Diplomazia Internazionale, Energia, Cooperazione, Cooperazione militare, Politica Internazionale, Cremlino, Turkish Stream, Abbattimento jet russo, jet abbattuto in Siria, Gazprom, Rosatom, Turchia, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik