20:38 08 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
1111
Seguici su

In Siria è stato abbattuto un aereo della Russia. Per discutere l’incidente a Bruxelles si riunisce il Consiglio della NATO. Come potrebbe reagire l’Alleanza?

Sputnik ha fatto questa domanda a Ergun Babahan, ex inviato del quotidiano nazionale turco Aksam ed ex direttore del quotidiano Sabah:

"Nel caso di questo incidente Turchia non è la parte lesa, pertanto non può appellare all'articolo 5 della Carta dell'ONU. Turchia è la parte che ha abbattuto l'aereo. Non credo quindi che al Consiglio della NATO possa ottenere l'approvazione dei suoi piani. Si sa che in questo momento la Turchia sta cercando in tutti i modi di impedire che i territori nel Nord-Est della Siria possano passare ai curdi. Con le mani dei sunniti Ankara vuole creare una zona di sicurezza, lunga 100 km, che sarebbe controllata dai turchi.

In Europa e negli USA l'idea della no-fly zone, sulla quale insiste la Turchia, suscita poco entusiasmo. Non hanno intenzione di mandare le loro truppe, perché la chiusura del cielo in Siria costerebbe ai paesi occidentali miliardi di dollari ogni mese.

D'altra pare, le forze armate della Russia si trovano in Siria su richiesta del legittimo governo del presidente Assad, e ciò è totalmente conforme al diritto internazionale.

Credo perciò che il Consiglio della NATO non voterà a favore della no-fly zone in Siria, ma si impegnerà per spingere la Turchia ad essere più costruttiva e cooperare con la Russia in Siria".    

Correlati:

Jet abbattuto al confine siriano dall'aviazione turca
Putin: Turchia si comporta come se fosse stata la Russia ad abbattere un jet turco
Tags:
Abbattimento jet russo
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook