00:02 26 Febbraio 2020
Politica
URL abbreviato
0 110
Seguici su

Il neonato esecutivo di centrodestra cade su una mozione di sfiducia presentata dai partiti di opposizione di sinistra, a cui ora il presidente della Repubblica portoghese potrebbe affidare l'incarico.

Portogallo nel caos istituzionale. A undici giorni dal suo insediamento, il governo di centrodestra di Passos Coelho cade su una mozione di sfiducia proposta dai tre partiti di opposizione di sinistra, aprendo ufficialmente la crisi di governo.

Con 123 voti contrari su un totale di 230 seggi, nella giornata di ieri i deputati del blocco di sinistra ha dunque messo fine al governo guidato da Passos Coelho prima ancora che il suo programma pro austerity potesse muovere i primi passi.

Sarà adesso il presidente della Repubblica, Anibal Cavaco Silva, a dover decidere se affidare un mandato esplorativo proprio alla coalizione di opposizione, o proseguire con un "governo di minoranza". Non praticabile, almeno per i prossimi mesi, l'ipotesi di elezioni anticipate.

La Costituzione portoghese infatti prevede, al pari di quella italiana, la disciplina del semestre bianco, ossia l'impossibilità di indire nuove elezioni politiche nei sei mesi che precedono il termine del mandato del Presidente della Repubblica, che nel caso portoghese scadrà il prossimo gennaio. 

Correlati:

Candidato alla presidenza del Portogallo: no alla proposta di Gentiloni
Elezioni Portogallo, vittoria a metà per Passos Coelho
Tags:
politica interna, governo, Anibal Cavaco Silva, Passos Coelho, Portogallo
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook