10:30 21 Ottobre 2018
Il premier britannico David Cameron

Brexit, Cameron: Le nostre 4 condizioni per restare in UE

© REUTERS / Kirsty Wigglesworth
Politica
URL abbreviato
0 27

Il primo ministro inglese mette nero su bianco 4 proposte di riforma, come condizione per restare nell'UE. Tusk: Ora possono partire i negoziati.

Il presidente del Consiglio UE, Donald Tusk, ha reso noto in queste ore che a breve partiranno le consultazioni bilaterali con i rappresentanti dei 27 Paesi membri sui 4 punti descritti da David Cameron come condizione essenziale per la permanenza del Regno Unito Nell'Unione Europea.

Con una lettera inviata allo stesso Tusk, il primo ministro inglese ha infatti in queste ore portato all'attenzione dei media europei le quattro riforme necessarie per evitare quella che giornalisticamente è stata ribattezzata come Brexit.

Nelle sei pagine inviate a Tusk, Cameron parla di 4 ambiti di riforme possibili: quello della governance economica, accusata di essere troppo eurocentrica; la competitività, con la richiesta di una maggiore libertà d'azione in tema di circolazione dei capitali, beni e servizi; la sovranità, con un livello nazionale che il primo ministro inglese vorrebbe nuovamente "più pesante" rispetto a quella comunitaria ed infine, aspetto di grande attualità, le politiche sull'immigrazione, con la mano libera che il Regno Unito chiede per la riforma del Welfare destinato ai cittadini stranieri immigrati.

L'obiettivo del presidente Tusk è adesso quello di far arrivare sul tavolo dei rappresentanti degli Stati membri un quadro di possibili riforme per il prossimo 17 dicembre, data in cui si riunirà il Consiglio Europeo. 

Correlati:

Cameron: dobbiamo limitare ingresso dei migranti dall’UE
Russia-Gb, probabile meeting Putin-Cameron al G20
Tags:
Unione Europea, Brexit, Donald Tusk, David Cameron, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik