14:28 30 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
2160
Seguici su

La Russia ha rilevato che è inammissibile usare nei documenti ufficiali dell’ONU dei dati inattendibili sulle presunte vittime tra gli abitanti civili in Siria in seguito ai raid della Russia contro lo “Stato islamico”.

Incontrando oggi il vice segretario generale dell'ONU per gli affari umanitari Stepeh O'Brien, il ministro degli Esteri della Russia Sergej Lavrov ha esortato l'ONU a non usare dati inattendibili, quando si tratta dell'operazione della Russia in Siria, dice il comunicato del ministero degli Esteri.

"La parte russa ha sollevato anche la questione dei dati inattendibili su presunte vittime tra gli abitanti civili in seguito all'operazione dell'aeronautica russa in Siria contro i combattenti dello "Stato islamico", indicando che è inammissibile usarli nei documenti ufficiali dell'ONU dedicati alla situazione umanitaria in Siria", — informa il ministero degli Esteri della Federazione Russa.

Il 30 settembre scorso, su richiesta del presidente Bashar Assad, la Russia ha cominciato bombardamenti mirati su obiettivi dell'ISIS in Siria. Da allora gli aerei della Russia hanno effettuato circa 830 raid, uccidendo alcune centinaia di combattenti e distruggendo decine di centri di comando, magazzini e altre strutture terroristiche. Inoltre, le navi della Russia nel mar Caspio hanno lanciato 26 missili da crociera che hanno puntualmente colpito gli obiettivi degli islamisti.

I paesi occidentali hanno più volte denunciato vittime tra i civili della Siria in seguito agli attacchi della Russia, senza però dimostrare almeno una prova. Russia respinge tutte le accuse.    

Correlati:

Siria, ministero della Difesa russo dimostra falsità delle accuse dei media occidentali
L'opposizione anti-Assad ha iniziato a collaborare con i militari russi in Siria
Tags:
Attendibilità dei dati sulla Siria, ONU
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook