01:37 17 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 7°C
    Vladimir Putin (foto d'archivio)

    Putin firma la legge di risposta alle confische dei beni della Russia all'estero

    © Sputnik. Alexei Druzhinin
    Politica
    URL abbreviato
    8500

    La legge verrà applicata nel caso in cui la Russia e l'altro Paese non avranno trovato un accordo. Il documento consente di limitare l'immunità giurisdizionale di uno Stato straniero in Russia sulla base del principio di reciprocità.

    Il presidente Vladimir Putin ha firmato la legge di risposta sulle confische illegali dei beni dello Stato russo all'estero, che consente di limitare l'immunità giurisdizionale di uno Stato straniero in Russia sulla base del principio di reciprocità; il documento è stato pubblicato sul portale web della legislazione della Federazione Russa.

    Secondo la legge, l'immunità giurisdizionale degli Stati stranieri e le loro proprietà in Russia possono essere limitate sulla base del principio di reciprocità, se la controparte straniera applicherà delle misure afflittive contro Mosca in materia.

    Saranno applicate le disposizioni previste dalla nuova legge se la Russia e l'altro Paese straniero non troveranno un accordo, si legge nel documento.

    Uno Stato straniero, che ha presentato un'istanza contro la Federazione Russa e che si trova sotto inchiesta in un tribunale russo o intraprende altre azioni legali in merito, verrà riconosciuto come rinunciatario dell'immunità giurisdizionale.

    La rinuncia all'immunità di uno Stato estero in relazione ad una specifica controversia non può essere revocata e si applicherà a tutte le fasi del procedimento.

    Tags:
    Economia, Giustizia, Diplomazia Internazionale, Legge, Yukos, Vladimir Putin
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik