03:59 23 Settembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca+ 6°C
    Sostenitori del Partito Giustizia e Sviluppo in festa

    Turchia, Erdogan verso la maggioranza assoluta nelle elezioni legislative anticipate

    © REUTERS/ OSMAN ORSAL
    Politica
    URL abbreviato
    238205

    Dopo lo scrutinio del 90% dei voti, il “Partito Giustizia e Sviluppo” del presidente Erdogan ha ottenuto il 50,0% dei voti nelle elezioni parlamentari anticipate in Turchia, con uno scarto molto ampio rispetto alle altre forze politiche.

    Nelle elezioni anticipate parlamentari in Turchia si profila una vittoria schiacciante del "Partito Giustizia e Sviluppo (AKP) del presidente Erdogan, che dopo lo scrutinio del 90% dei voti ottiene la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento con la possibilità di formare un governo senza alleanze, secondo i dati preliminari della Commissione Elettorale del Paese.

    E' riuscito ad entrare in Parlamento superando lo sbarramento del 10% il "Partito Repubblicano del Popolo" (CHP, centrosinistra) col 24,8%. Questa forza laica ha vinto nelle province di Izmir e Mersin. Il Partito del Movimento Nazionalista (MHP, destra nazionalista) ha ottenuto il 12,0% dei voti, riuscendo così a conquistare dei seggi. E' in bilico la rappresentanza in Parlamento per il Partito Democratico Curdo (PDN), che può contare al momento sul 9,9% dei voti, a ridosso della soglia di sbarramento. Ha raccolto il maggior numero di voti nella provincia di Diyarbakir e in altri distretti della parte sud-orientale del Paese.

    Se il partito curdo non entrerà in Parlamento, Erdogan avrà una maggioranza così ampia da permettere le riforme costituzionali senza cercare alleanze.

    Tags:
    elezioni parlamentari, elezioni politiche, Elezioni anticipate, governo, Recep Erdogan, Turchia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik