09:12 26 Settembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 11°C
    Incontro tra leader di Cina, Giappone e Corea del Sud

    Il Giappone non ha dubbi, “necessario rafforzare la cooperazione con la Cina”

    © REUTERS/ Lee Jung-hoon
    Politica
    URL abbreviato
    4820151

    Durante un incontro a Seul, il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il premier cinese Li Keqiang hanno discusso di cooperazione economica e dei modi per migliorare le relazioni bilaterali e dei diversi approcci alle interpretazioni storiche e di altre questioni.

    Il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il premier cinese Li Keqiang hanno avuto un incontro a margine di un vertice trilaterale a Seul con la partecipazione del capo di Stato della Corea del Sud.

    Nel corso del faccia a faccia tra Abe e Keqiang, sono state toccati i temi come la cooperazione economica, i modi per migliorare le relazioni bilaterali, le diverse interpretazioni storiche ed altre questioni, segnala l'emittente NHK.

    Dopo l'incontro Abe ha detto di non dubitare affatto che "le relazioni tra il Giappone e la Cina hanno bisogno di migliorare e di ampliarsi".

    Dopo 3 anni il primo vertice trilaterale con la partecipazione del primo ministro del Giappone, del capo del governo cinese e del presidente della Corea del Sud si è svolto oggi a Seul. I principali temi all'ordine del giorno erano gli accordi di partenariato economico sulle zone di libero scambio e il rafforzamento della cooperazione multilaterale in vari campi.

    A margine del vertice tutte le parti hanno espresso il desiderio di proseguire il dialogo al più alto livello su base regolare e di rafforzare la cooperazione tra gli Stati in vari campi, con l'obiettivo fine di assicurare la pace e la stabilità nella regione asiatica. Il prossimo vertice trilaterale potrebbe svolgersi in Giappone nel 2016.

    Tags:
    Cooperazione, Politica Internazionale, Economia, Commercio, Diplomazia Internazionale, Li Keqiang, Shinzo Abe, Corea del Sud, Giappone, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik