22:46 25 Febbraio 2018
Roma0°C
Mosca-15°C
    Politica

    L'Iran ha accettato ufficialmente l'invito degli Stati Uniti ai negoziati per la Siria

    Politica
    URL abbreviato
    0 50

    L'Iran ha accettato ufficialmente l'invito degli Stati Uniti, comunicato dalla parte russa, a partecipare al vertice internazionale sulla situazione in Siria a Vienna. Lo ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri dell'Iran Marziye Afham.

    Il politologo iraniano e direttore del giornale iraniano in lingua araba "Al-Vafag" Mosayeb Na'imi, ha osservato per l'edizione persiana di Sputnik:

    "Inizialmente la coalizione occidentale in Siria non riteneva necessaria la partecipazione al processo diplomatico dell'Iran. I suoi leader erano convinti che fosse possibile gestire la situazione senza il coinvolgimento dell'Iran.

    Cavarsela nella loro comprensione significa "formare un governo fantoccio a Damasco facile da controllare."

    Successivamente però la coalizione occidentale si è resa conto della necessità incombente di integrare nel processo la Russia e l'Iran. In particolare questa necessità è emersa dopo il primo incontro a Vienna, dove il ruolo chiave è stato svolto dalla Russia. E' diventato chiaro che la partecipazione dell'Iran nei colloqui sulla normalizzazione della crisi in Siria sia un passaggio politico fondamentale per la pace nella regione. E dopo che l'Iran era stato invitato alla riunione di Vienna, circa 3 volte il nostro ministro degli Esteri si è messo in contatto e si è consultato con Lavrov in merito alla partecipazione ai negoziati. Era necessario fare in modo che la posizione dell'Iran nel corso della riunione venisse ascoltata, e dalla parte opposta (Arabia Saudita, Stati Uniti, Occidente e i suoi alleati) venissero accettate delle proposte logiche e razionali per cessare di fornire qualsiasi tipo di supporto ai gruppi estremisti in Siria."

    Tags:
    Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Iran, Siria, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik