04:06 20 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 18°C
    Jihadisti in Siria (foto d'archivio)

    “Senza Assad e il dialogo con la Russia impossibile annientare ISIS”

    © AFP 2017/ AHMED DEEB
    Politica
    URL abbreviato
    2686151

    La deposizione del presidente siriano Bashar Assad "aprirebbe le porte di Damasco" ad ISIS, ritiene l'ex ministro della Difesa francese Jean-Pierre Chevènement.

    Riuscire ad eliminare i terroristi dello "Stato Islamico" è possibile solo con la collaborazione dell'attuale regime politico siriano, così come con il dialogo con la Russia, ritiene l'ex ministro della Difesa francese Jean-Pierre Chevènement. Il politico lo ha scritto nella sua rubrica sulla rivista l'Hémicyle.

    Chevènement considera Assad un dittatore, ma "il suo allontanamento aprirebbe le porte di Damasco ad ISIS", che, secondo il politico, è una minaccia non solo per i Paesi musulmani, ma anche per la Russia e l'Occidente. Allo stesso tempo per l'ex ministro della Difesa in Siria non esiste alcuna opposizione moderata.

    "Da un lato i raid effettuati dalla coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti non erano sufficienti, dall'altro non esistono gli alleati in Siria che sono chiamati moderati", — scrive Chevènement.

    "L'esercito di conquista", sostenuto dall'Arabia Saudita e dalla Turchia che si trova nel nord-ovest della Siria, non è un'opzione alternativa, ritiene il politico. In realtà è costituito principalmente da gruppi jihadisti come il "Fronte Al Nusra," ramo siriano di "Al Qaeda", e dal gruppo salafita "Ahrar al-Sham", scrive Chevènement.

    "Il ritiro e la scomparsa di ISIS non possono avvenire senza l'aiuto del regime di Bashar Assad e senza il dialogo con la Russia, in quanto i raid di Mosca sono efficaci perché sono coordinati con le truppe di Damasco impegnate sul campo", — ha osservato il politico.

    Tags:
    Sicurezza, Terrorismo, Opposizione, Politica Internazionale, Geopolitica, raid della Russia in Siria, Coalizione USA anti ISIS, Stato Islamico, ISIS, Al Qaeda, Al Nusra, Jean-Pierre Chevènement, Bashar al-Assad, Arabia Saudita, Turchia, Francia, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik