01:00 21 Agosto 2017
Roma+ 26°C
Mosca+ 18°C
    Il presidente degli USA Barack Obama e il presidente russo Vladimir Putin

    Stratfor: tra USA e Russia nessun ravvicinamento

    © Sputnik. Mikhail Klimentyev
    Politica
    URL abbreviato
    0 888211

    Nel quarto trimestre di quest’anno, nonostante la tregua in Ucraina e il ruolo che entrambi i paesi svolgono in Siria, i rapporti tra USA e Russia sranno più vicini al “vicolo cieco” che alla “svolta”, credono gli analisti di Stratfor.

    È poco probabile che Mosca e Washigton possano avviare negoziato su un ampio ventaglio di questioni — dalle sanzioni alla presenza della Nato ai confini della Russia, predicono gli analisti della società di intelligence privata Stratfor.

    "In futuro gli USA e la Russia potrebbero contattare soltanto per questioni tattiche. Washsington continuerà la politica di pressione economica nei confronti di Mosca e cercherà di confermare il suo ruolo di garante della sicurezza degli alleati vicini ai confini della Russia", — prevedono gli analisti.

    Secondo Stratfor, dal punto di vista delle sanzioni, l'ultimo trimestre dell'anno sarà decisivo per l'Europa — "più vicinanza ci sarà tra l'Europa e la Russia, più grande diventerà la probabilità che Mosca riesca a cacciare un cuneo tra coloro che vogliono un compromesso con Mosca e quelli che cercano di seguire la linea dura (Polonia e Paesi Baltici)".

    Gli analisti della società credono che la Russia concentrerà i suoi sforzi per creare una "lobby" composta di Germania, Francia e Italia. Questa tattica permetterà di "forare" il principio dell'unanimità, sulla base del quale vengono varate le sanzioni contro Mosca.

    I rapporti tra la Russia e la NATO resteranno tesi, nonostante la tregua in Ucraina, scrive Stratfor. L'Alleanza continuerà ad avere uno spazio di manovra per intensificare l'attività di addestramento delle truppe e le sue missioni col pretesto della "riforma" dell'esercito ucraino. Nel contempo l'Alleanza continuerà la prassi di avvicendamento delle truppe in Europa centrale. Alla luce delle prossime elezioni, alcuni paesi — per esempio, la Polonia — esorteranno la NATO ad assumersi più responsabilità per la difesa collettiva, mentre Svezia e Finlandia continueranno il ravvicinamento con l'Alleanza, ma non diventeranno suoi membri.    

    Correlati:

    Militari USA temono la “fine” della NATO
    Stoltenberg: la NATO non entrerà nel conflitto in Siria
    “USA non riescono a convincere tutta la NATO a schierarsi contro la Russia”
    Tags:
    Relazioni con la Russia, analisti Stratfor, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik