20:29 20 Luglio 2018
Presidente turco Recep Tayyip Erdogan

Turchia, Erdogan non ha la maggioranza assoluta

© Sputnik . Sergey Guneev
Politica
URL abbreviato
160

A due settimane dal voto, i sondaggi elettorali rilevano una crescita del partito islamista di Erdogan ma una tenuta del partito filo turco che non consentirebbe ancora una volta al capo di Stato di ottenere la maggioranza assoluta.

Il partito islamico Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan è in crescita nelle intenzioni di voto ma non ha i numeri per governare da solo. I tre sondaggi elettorale condotti in Turchia dopo la strage di Ankara dello scorso 10 ottobre mostrano come la principale forza politica del Paese rischi ancora una volta, dopo le elezioni dello scorso 7 giugno, di vincere ma di non ottenere la maggioranza assoluta dei seggi.

Lo riferisce l'agenzia di stampa Anadolu citando i dati delle rilevazioni statistiche effettuate dagli istituti Mak e Argetus.

Secondo i dati forniti dai sondaggi elettorali, il partito-filo curdo Hdp è nettamente al di sopra della soglia di sbarramento del 10%, necessaria per entrare in parlamento. E' alta quindi la possibilità di togliere seggi decisivi all'Akp. Il partito islamico di Erdogan, al governo dal 2002, si attesta intorno al 43%, in crescita di oltre due punti percentuali, ma, secondo gli analisti, per ottenere la maggioranza assoluta dovrebbe arrivare almeno al 44%.

Intanto, il Washington Post descrive con grande sorpresa Erdogan come "la principale causa dell'instabilità del suo Paese alimentando la sua polarizzazione con tattiche autocratiche e sempre più spericolate". L'editoriale pubblicato dal quotidiano statunitense definisce inoltre un "errore" la tendenza dell'Occidente, in particolare dell'Unione europea, ad assecondare e sostenere il presidente turco.

Correlati:

Turchia, Erdogan oscura i media prima delle elezioni
Esperto: Europa sta usando Turchia nel proprio interesse
Tags:
elezioni parlamentari, Partito Curdo di Lavoratori, AKP partito, Recep Erdogan, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik