Widgets Magazine
11:58 22 Settembre 2019
Dmitry Medvedev

Siria, Medvedev: la Casa Bianca si mostra debole con il no alla delegazione russa

© Sputnik . Dmitry Astakhov
Politica
URL abbreviato
371
Seguici su

La Russia aveva intenzione di inviare una delegazione negli Stati Uniti per discutere della lotta contro il terrorismo, ma Washington ha declinato l'offerta di Mosca. Il premier Dmitry Medvedev ritiene che, quando è in corso un conflitto serio, Washington si comporta sempre in questo modo “strano”.

Il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha parlato di cosa pensa del rifiuto degli Stati Uniti di accettare la delegazione russa da lui guidata per discutere la crisi siriana, sottolineando che i suoi rapporti umani con il presidente degli Stati Uniti non c'entrano, dal momento che in questi casi la priorità è sempre dell'interesse pubblico.

"Sa, penso che le relazioni umane non abbiano nulla a che fare con questa vicenda, gli interessi pubblici sono sempre più importanti", — ha detto Medvedev in un'intervista durante il programma "Vesti v Subbotu", rispondendo alla domanda su come valuti il rifiuto americano di ricevere la delegazione russa, considerando i suoi buoni rapporti personali con il presidente Barack Obama.

Il premier ha rilevato che la decisione presa dalle autorità statunitensi gli sembra strana.

"E' in corso un conflitto molto serio, è necessario reagire, ma la reazione del governo degli Stati Uniti pare piuttosto strana. A proposito, di che cosa spesso l'accusano? Del fatto che l'amministrazione degli Stati Uniti spesso si concedere di mostrarsi come non dovrebbe essere, ovvero debole, indecisa ed incompetente, oppure di non prendere le misure appropriate per difendere alcune priorità. Non so se sia vero o meno, questo è un loro problema. Ma in ogni caso, a giudicare dalle dichiarazioni che si sono sentite questa settimana, tra cui quelle di alcuni rappresentanti della Casa Bianca, sembra essere vero," — ha detto Medvedev.

Tags:
Casa Bianca, Terrorismo, Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, ISIS, Barack Obama, Dmitry Medvedev, USA, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik