23:21 23 Novembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca-4°C
    Alexey Pushkov

    “Difficili nuove sanzioni UE contro la Russia per i raid in Siria”

    © Sputnik. Alexander Natruskin
    Politica
    URL abbreviato
    31557352

    Secondo il deputato Alexey Pushkov, non ci sono motivi per l'introduzione di nuove sanzioni contro la Russia a seguito dei raid in Siria contro ISIS. "Anche da un punto di vista giuridico non c'è nulla da contestarci," - ha detto.

    Il presidente della commissione Esteri della Duma Alexey Pushkov ritiene che l'Europa non avanzerà nuove sanzioni contro la Russia per la situazione in Siria.

    In precedenza alcuni media avevano riferito basandosi sulle dichiarazioni di un funzionario di Bruxelles che l'Unione Europea non escluderebbe nuove sanzioni contro la Russia a seguito dei raid russi in Siria. Contemporaneamente un alto rappresentante della UE aveva riferito a "RIA Novosti" che l'Europa non sta valutando l'imposizione di sanzioni nei confronti della Russia per la situazione in Siria.

    "Non penso che per la Siria l'Unione Europea si appresti ad adottare nuove sanzioni. Penso che sia altamente improbabile perché non esistono motivi validi. La Russia sta agendo in conformità del diritto internazionale, su invito del governo legittimo della Siria, anche da un punto di vista giuridico non dobbiamo difenderci da nulla," — ha detto Pushkov sul canale "TV Center".

    Dal 30 settembre, su richiesta del presidente siriano Bashar Assad, la Russia conduce raid aerei di precisione contro le posizioni dello "Stato Islamico" in Siria. I raid hanno compromesso significativamente il funzionamento dei centri di comando e logistici dei fondamentalisti, così come hanno seriamente danneggiato le infrastrutture usate per la preparazione degli esplosivi usate dagli attentatori suicidi.

    Tags:
    Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, sanzioni antirusse, raid della Russia in Siria, ISIS, Unione Europea, Bashar al-Assad, Alexey Pushkov, Siria, UE
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik