21:47 20 Novembre 2017
Roma+ 10°C
Mosca+ 2°C
    Nicolas Maduro, presidente del Venezuela, sventola una bandiera del suo paese

    “Atti terroristici” in Venezuela. Maduro allerta la popolazione

    © REUTERS/ Miraflores Palace
    Politica
    URL abbreviato
    180892

    Secondo Maduro è una strategia messa in atto dagli oppositori perchè la popolazione ceda all'imperialismo, danneggiando i servizi energetici.

    A soli due mesi dalle elezioni legislative di dicembre, il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha accusato l'opposizione di atti "terroristici", con cui cercherebbe di fare arrendere il popolo all'"imperialismo".

    La destra dell'opposizione, ha accusato Maduro, ha attaccato, martedì scorso nella notte, una centrale elettrica nella regione di Tachira, nel sudovest del Paese, danneggiando migliaia di famiglie e lasciando privi di energia elettrica ben nove città.

    L'attacco alla centrale elettrica ha provocato la perdita totale delle attrezzature. Perchè i danni vengano riparati ci vorranno altri 10 giorni di lavoro. Maduro ritiene che questo attacco sia parte di un presunto piano di settori che si oppongono al governo. Due persone, nel frattempo, sono state arrestate e sottoposte a interrogatori.

    Oltre a chiedere al Paese di prestare attenzione alla campagna di "sabotaggio" dell'opposizione, Maduro ha affermato che "secondo questa strategia, danneggiando il popolo con la guerra economica, danneggiando i servizi elettrici, sabotando i servizi pubblici, aumentando gli omicidi, alla fine il popolo venezuelano cederà all'imperialismo". 

    Correlati:

    Russia, Lavrov annulla viaggio in Venezuela: Incontri a New York
    Venezuela accoglierà 20mila rifugiati siriani
    Il Venezuela riceverà un prestito di 5 miliardi di $ dalla Cina
    Tensione tra Colombia e Venezuela: richiamati i rispettivi ambasciatori
    Tags:
    Elezioni, Attentato, Nicolas Maduro, Venezuela
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik