09:22 26 Settembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 11°C
    Cargo russo in Siria

    Vietando i voli umanitari gli USA in guerra ibrida contro la Russia

    © AFP 2017/ POOL/SABAH ARAR
    Politica
    URL abbreviato
    263522474

    Sofia ha negato il suo spazio aereo ai voli umanitari russi diretti in Siria. Gli Stati Uniti stanno cercando di sfruttare il loro controllo su alcuni Paesi per ostacolare la Russia. Agendo in questo modo gli USA e i Paesi UE si schierano di fatto dalla parte di ISIS.

    La Bulgaria ha chiuso il suo spazio aereo ai cargo militari che trasportano gli aiuti umanitari per la Siria fino al 24 settembre, ha fatto sapere il ministero degli Esteri bulgaro. In precedenza il dicastero della diplomazia bulgara aveva dichiarato che la corrispondente decisione era stata intrapresa per i timori di Sofia sul contenuto del carico trasportato.

    "Il ministero degli Esteri della Bulgaria conferma di chiudere lo spazio aereo nazionale agli aerei militari russi da trasporto che sono diretti in Siria dal 1° al 24 settembre 2015", — si legge nel corrispondente comunicato.

    La richiesta della Russia di far volare i suoi aerei con gli aiuti umanitari per la Siria attraverso lo spazio aereo bulgaro e greco ha suscitato l'opposizione dagli Stati Uniti. In precedenza il ministero degli Esteri greco aveva confermato di aver ricevuto da Washington la richiesta di chiudere i suoi cieli agli aerei russi diretti in Siria.

    Secondo l'analista politico Sergey Markov, gli Stati Uniti stanno cercando di sfruttare il loro controllo su alcuni Paesi per ostacolare la Russia. Agendo in questo modo si schierano di fatto dalla parte di ISIS.

    "L'Occidente è ormai convinto del fatto che la Russia fornisca non solo aiuti umanitari, ma anche assistenza militare al governo della Siria per combattere ISIS al di fuori degli accordi vigenti. Pertanto gli USA sfruttano la loro influenza su alcuni Paesi, come la Bulgaria, per fermare gli aiuti. Purtroppo in questo caso gli Stati Uniti e i Paesi dell'Unione Europea fanno il gioco di ISIS," — ha detto a Sputnik Sergey Markov, direttore dell'Istituto di Politica e membro della Camera pubblica ed analista.

    Secondo lui, gli Stati Uniti non fermeranno le loro pressioni solo sulla Bulgaria e la Grecia.

    "Gli aerei russi possono volare tramite altre rotte verso la Siria. Ma gli Stati Uniti vorrebbero vedere un rifiuto non solo dalla Bulgaria, ma anche dalla Turchia e dalla Grecia. L'Ucraina non farà passare nulla, dal momento che è diventata un protettorato di Washington. Gli Stati Uniti vogliono bloccare completamente gli aerei russi diretti in Siria dal momento che esprimono dubbi sulla vera natura del carico. In realtà si tratta esclusivamente di una guerra ibrida del governo degli Stati Uniti contro la Siria e in parte contro la Russia", — ritiene l'analista.

    Tags:
    Aiuti umanitari, Geopolitica, Aviazione, ISIS, Unione Europea, Bulgaria, Siria, Grecia, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik