15:38 19 Settembre 2017
Roma+ 22°C
Mosca+ 13°C
    Migranti a Budapest

    Crisi profughi, rivelate quote di accoglienza UE. Chi non si adegua, paga

    © AP Photo/ Frank Augstein
    Politica
    URL abbreviato
    115712

    Secondo il canale televisivo polacco TVN24, la Germania, la Francia, la Spagna e la Polonia ospiteranno il maggior numero di profughi e migranti provenienti dall'Africa e dal Medio Oriente. I Paesi sopracitati dovranno farsi carico di quasi 80mila immigrati su 120mila. Il movimento di cui i piani dell'Unione europea.

    Secondo il piano della Commissione Europea, la Germania si dovrà far carico del maggior numero di migranti: 31.433 persone. La Francia accoglierà 24.031 persone. Questa informazione è stata confermata dal presidente Francois Hollande, aggiungendo che Parigi avrebbe approvato il piano. Quasi 15mila migranti saranno presi dalla Spagna, mentre la Polonia ne avrà 9287.

    Secondo il piano, le quote di accoglienza dei migranti sono come quanto segue:

    Germania — 31.443

    Francia — 24.031

    Spagna — 14.931

    Polonia — 9.287

    Olanda — 7.214

    Romania — 4.646

    Belgio — 4.564

    Svezia — 4.469

    Austria — 3.640

    Portogallo — 3.074

    Repubblica Ceca — 2.978

    Finlandia — 2.398

    Slovacchia — 1.502

    Bulgaria — 1.500

    Croazia — 1.064

    Slovenia — 631

    Lituania — 580

    Lettonia — 526

    Lussemburgo — 440

    Estonia — 373

    Cipro — 274

    Malta — 133

    I fattori che influenzano le quote dei migranti, in particolare sono stati la popolazione, il tasso di disoccupazione, il numero di richieste d'asilo, così come il valore del Prodotto Interno Lordo di ciascun Paese.

    Possono essere concesse delle deroghe sul piano di distribuzione dei migranti a quei Paesi colpiti da disastri naturali o alle cui frontiere c'è una guerra. In questo caso il Paese che rinuncia ad ospitare i profughi dovrà versare nelle casse dell'Unione Europea lo 0,02% del suo PIL. Qualsiasi rinuncia rispetto alle quote assegnate dovrà essere giustificata da "ragioni oggettive". Come esempio di motivo valido si cita il probabile afflusso significativo di rifugiati dall'Ucraina nel caso di aggravamento della situazione nel Paese.

    Sono dispensate dalle quote obbligatorie il Regno Unito, l'Irlanda e la Danimarca, che tuttavia possono accogliere i migranti su base volontaria, dato che in conformità con gli accordi firmati, questi Paesi possono non eseguire la politica migratoria della UE.

    Secondo il "Financial Times", la Commissione Europea sta anche pensando su come punire i Paesi che non vogliono accettare la quota assegnata di profughi.

    Questi Paesi dovranno contribuire ad un fondo speciale per aiutare i rifugiati.

    Tags:
    profughi, migranti, Commissione Europea, Unione Europea, Europa
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik