06:56 11 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 2°C
    Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo

    Quotidiano finlandese: Maria Zakharova – nuovo “siluro” della Russia

    © Sputnik. Ekaterina Chesnokova
    Politica
    URL abbreviato
    22513

    Il quotidiano finlandese di lingua svedese “Hufvudstadsbladet” ha definito la portavoce del ministero degli Esteri della Russia, Maria Zarkharova, nuovo “siluro” della Russia nella guerra mediatica contro l’Occidente.

    Nell'intervista al quotidiano la stessa Zakharova ha detto che la decisione dell'UE di creare una task force per contrastare la "propaganda russa" è un atto di "ipocrisia pura".

    Il quotidiano finlandese ha descritto Maria Zakharova, che da tempo è portavoce ufficiale della diplomazia russa, come un nuovo "siluro" della Russia nella guerra mediatica contro l'Occidente.

    "Francamente parlando, non capisco, perché ci accusano di propaganda e perché si prende di mira la televisione Russia Today che trasmette in lingua inglese. Anche la NATO ha una sua tattica per promuovere le proprie comunicazioni. Tutte le grandi potenze hanno agenzie di notizie di lingua inglese", — ha detto Zakharova.

    Secondo la portavoce, quando lei lavorava negli Stati Uniti, era praticamente impossibile attirare l'attenzione dei media americani sui comunicati delle istituzioni russe o sulle dichiarazioni delle personalità russe, ad eccezione dei casi in cui "noi dovevamo proteggerci dalle accuse nei nostri confronti, che non erano vere".

    "Nei confronti della Russia l'Occidente sta seguendo la politica di "Zero good news from Russia" (Dalla Russia nessuna notizia buona), che impone di diffondere soltanto notizie che riguardano la corruzione, le calamità naturali, la "mancanza di democrazia" in Russia. Nessuno però non informa mai della vita delle persone comuni. Evidentemente il successo del canale Russia Today è dovuto al desiderio di conoscere anche opinioni alternative", — ha rilevato Maria Zakharova.

    La portavoce del ministero degli Esteri ha anche definito ipocrita la decisione dell'UE di costituire una task force per contrastare la propaganda della Russia.

    "È un atto di ipocrisia pura. Della Russia da anni viene coltivata l'immagine di un popolo invicile che beve la vodka e porta il colbacco. Quando però cerchiamo di far vedere l'altra faccia della medaglia, ci accusano di propaganda", — ha osservato Maria Zakharova.    

    Correlati:

    Team della “propaganda UE” contro la Russia è un progetto molto modesto
    Analista: UE spende milioni di euro per propaganda
    Tags:
    Guerra mediatica, Maria Zakharova
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik