04:11 19 Luglio 2018
Segretario di Stato USA John Kerry

USA, John Kerry: rafforzamento presenza russa in Siria può portare escalation conflitto

© REUTERS / Brendan Smialowski
Politica
URL abbreviato
26250

In una conversazione telefonica con il ministro degli Esteri russo, il segretario di Stato americano ha affermato che il rafforzamento delle posizioni militari della Russia in Siria potrebbe portare al rischio di un confronto con la coalizione internazionale impegnata contro ISIS.

Il rafforzamento delle posizioni militari della Russia in Siria, se le notizie sono corrispondenti alla realtà, potrebbe portare ad un'escalation del conflitto nella regione, ha dichiarato il segretario di Stato USA John Kerry durante una telefonata nella giornata di ieri con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

"Il segretario di Stato ha telefonato a Lavrov in mattinata per discutere della situazione in Siria, in particolare dei timori degli Stati Uniti in merito alle notizie relative al piano di rafforzamento del potenziale militare della Russia nel Paese", si legge in un comunicato del Dipartimento di Stato.

Come evidenziato, Kerry "ha fatto capire che, se queste informazioni sono vere, allora tale piano potrebbe portare ad un'ulteriore escalation del conflitto e a maggiori vittime tra i civili".

Secondo il capo della diplomazia americana, potrebbe portare anche ad "un aumento del flusso di profughi e alla minaccia di un confronto con la coalizione che si batte in Siria contro lo Stato Islamico".

Inoltre si sottolinea che Kerry e Lavrov "hanno concordato sul fatto che la discussione del conflitto in Siria debba proseguire a New York a fine mese" nell'ambito dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

In precedenza il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov aveva commentato le informazioni diffuse dai media sul presunto coinvolgimento dell'Aviazione russa nel bombardamento delle posizioni di ISIS in Siria, bollandole come notizie non credibili.

Tags:
profughi, Terrorismo, Geopolitica, Politica Internazionale, Sicurezza, Dipartimento di Stato, Esercito russo, ISIS, John Kerry, Sergej Lavrov, Medio Oriente, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik