16:40 24 Febbraio 2020
Politica
URL abbreviato
451
Seguici su

Il presidente finlandese Sauli Niinistö considera essenziale nella soluzione della crisi migratoria la fine della guerra civile in Siria.

"Il problema non è quello di organizzare l'accoglienza dei profughi, ma serve un piano completamente diverso. Ci sono state alcune allusioni, ma lo svolgimento di negoziati per la soluzione della crisi siriana nell'ambito dell'asse USA-Russia, penso che sia una cosa molto positiva," — Niinistö ha detto in un'intervista con la rivista "Nykypäivä ja Verkkouutiset".

Niinistö ricorda che l'approccio della Russia alla crisi in Siria e la sua via d'uscita fin dall'inizio erano leggermente diversi da quelli dell'Occidente. Il presidente Niinistö rileva che anche l'ex capo di Stato finlandese Martti Ahtisaari ha detto che l'Occidente avrebbe potuto ascoltare attentamente le opinioni della Russia all'inizio della crisi.

Secondo Ahtisaari, la Russia era pronta già nel 2012 a collaborare con l'Occidente,

"ma gli inglesi e gli americani erano interessati solo a come eliminare Assad."

"Ahtisaari ha ragione",- dice Ninistё.

Secondo lui, oggi gli Stati Uniti e la Russia potrebbero giungere ad un approccio unitario nella lotta contro ISIS.

Tags:
Terrorismo, Occidente, Geopolitica, Politica Internazionale, ISIS, Sauli Niinistö, Siria, USA, Russia, Finlandia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook