11:45 20 Agosto 2017
Roma+ 25°C
Mosca+ 23°C
    Popolarità della Russia nel Balcani

    Per l'Economist “nei Balcani crescono sentimenti filorussi pericolosi per la UE”

    © AP Photo/
    Politica
    URL abbreviato
    61362271

    Secondo il ministro per l'Integrazione europea del Kosovo Bekim Collaku, se nella UE non ci sarà un cambio di marcia in materia di allargamento, il costo dell'esitazione sarà salato, dato che i Balcani cominciano a guardare verso Oriente.

    Da un punto di vista strategico, l'Unione Europea è costretta ad accelerare il processo di adesione dei Paesi candidati, scrive l'Economist.

    Come dichiarato al quotidiano britannico dal ministro per l'Integrazione europea del Kosovo Bekim Collaku, uno dei motivi per cui l'Unione Europea deve affrettarsi consiste nel fatto che nei Balcani stanno crescendo sentimenti di ammirazione per la Russia. Anche se l'allargamento della UE non piace ad alcuni membri di Bruxelles, l'esitazione sarà "costosa".

    Dalla fine delle guerre nei Balcani nel 1999, la questione più incombente è come e quando i Paesi della regione entreranno nell'Unione Europea. L'Albania, la Bosnia Erzegovina, il Kosovo, la Macedonia, il Montenegro e la Serbia sono stati "bloccati" sulla strada verso l'Europa in varie fasi.

    Inoltre il giornale scrive che di recente i Paesi dei Balcani non ricevono istruzioni da Bruxelles, ma da Berlino.

    Un diplomatico anonimo ha detto al giornale che "la Commissione Europea non fa nulla nei Balcani, fino a quando non ottiene il via libera da Berlino."

    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, Società, Diplomazia Internazionale, Unione Europea, Bekim Collaku, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Balcani, Kosovo, Macedonia, Serbia, Albania, Germania, Europa, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik