16:06 28 Aprile 2017
    Angela Merkel

    “Angela Merkel ha sprecato l'occasione per diventare leader dell'Europa”

    © REUTERS/ Eric Vidal
    Politica
    URL abbreviato
    122431

    Il fatto che a Berlino e Bruxelles sia percepito come una vittoria il terzo pacchetto di aiuti alla Grecia di fatto simboleggia la probabile fine del potere della Merkel che dura ormai da 10 anni, secondo il giornalista Nikolaus Blome.

    Angela Merkel ha "sprecato" l'opportunità storica di diventare un leader in Europa, scrive il giornalista tedesco Nikolaus Blome sulla rivista "Politico".

    "Qualche anno fa la Merkel aveva dichiarato al suo entourage che la Germania sarebbe dovuta diventare per l'Europa quello che gli Stati Uniti sono diventati per il mondo intero: un leader indiscusso di cui tutti hanno bisogno ma che a quasi nessuno piace. Tuttavia l'occasione storica per affrontare questa sfida è stata sprecata," — scrive.

    Il commento del giornalista è legato al terzo pacchetto di aiuti alla Grecia, che in precedenza aveva ottenuto il via libera in Germania.

    Questo evento, secondo Blome, "ha lasciato l'Europa senza un leader."

    Blome ritiene che nonostante sia percepito a Bruxelles e Berlino come una vittoria, questa situazione abbia ottenuto un prezzo troppo alto, quasi come una sconfitta che rischia di mettere fine al decennio di incontrastato e crescente potere della Merkel in Germania e in Europa.

    Blome fa notare che durante la votazione sul nuovo programma di aiuti alla Grecia 66 deputati del Bundestag, circa un quinto della rappresentanza parlamentare della Cdu/Csu, il partito della Merkel, si sono opposti ai nuovi prestiti. Il giornalista osserva che gli "scettici" avevano subito pressioni, con la minaccia di essere allontanati dalle commissioni parlamentari.

    Secondo Blome è stato "un palese segno di panico."

    Allo stesso tempo, rileva Blome, i membri del Bundestag che si oppongono al programma di aiuti alla Grecia, questa volta avevano goduto dell'ampio sostegno del ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble. Secondo Blome, Schaeuble in qualità di "politico più popolare in Germania" è una minaccia per la Merkel.

    "Per la prima volta durante tutto il suo mandato da cancelliere Angela Merkel deve fare i conti con qualcuno che non può controllare o far dimettere," — descrive la situazione Blome.

    Serve rassegnarsi non solo con un politico non controllabile, ma anche con una situazione politica ingestibile. Nessuno sa come evolverà la crisi della Grecia dopo le dimissioni annunciate ieri dal primo ministro Tsipras e l'entrata nel governo del partito di opposizione "Nuova Democrazia". Naturalmente le elezioni anticipate annunciate da Tsipras non influenzeranno il programma di assistenza finanziaria su cui Atene ha trovato l'accordo con i creditori, secondo quanto dichiarato dal capo del gruppo di lavoro dell'Eurogruppo Thomas Wieser.

    "E' stato davvero un passo inatteso, ma per molte persone è una mossa positiva in grado di assicurare una maggiore trasparenza nella composizione del governo greco. Ad ottobre avremo un incontro su un eventuale cancellazione del debito, e (dopo le elezioni del 20 settembre) confidiamo nell'ulteriore successo dell'attuazione del programma", — la "Reuters" cita le dichiarazioni di Wieser.

    Si può solo sperare, almeno fare affidamento sul successo dell'operazione condotta sotto la sua regia, ma in futuro per il cancelliere tedesco sarà sempre più difficile.

    Tags:
    Finanze, Politica Internazionale, Economia, Crisi in Grecia, Eurogruppo, Unione Europea, Thomas Wieser, Wolfgang Schaeuble, Angela Merkel, Grecia, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik