15:48 21 Ottobre 2017
Roma+ 22°C
Mosca+ 3°C
    Bandiere SCO e Unione Economica Eurasiatica

    “UE e Unione Economica Eurasiatica sono 2 idee diverse, complementari e concorrenti”

    © Sputnik. Vitaliy Belousov
    Politica
    URL abbreviato
    0 24111

    Per il premier russo Dmitry Medvedev la UE, l'Unione Economica Eurasiatica e l'Organizzazione di Shanghai per la cooperazione sono compatibili e concorreranno tra di loro. La Russia non ha intenzione di trascurare l'Europa, ma vuole rafforzare la cooperazione in Asia.

    Il premier russo Medvedev è convinto che i due concetti e i due progetti, l'Unione Europea da un lato e l'Unione Economica Eurasiatica e l'Organizzazione di Shanghai per la cooperazione dall'altro, allo stesso tempo siano compatibili e saranno tra di loro in concorrenza, ha detto il primo ministro in un'intervista con la compagnia radiotelevisiva nazionale "Radio e Televisione della Slovenia" (RTV Slovenia).

    "L'Unione Europea è ancora il nostro più grande partner. Nessun Paese dell'Asia orientale, del Pacifico, ma l'Unione Europea. Sì, è calato lo scambio commerciale, ma vale ancora (non conosco i risultati di quest'anno) diverse centinaia di miliardi di euro e dopo tutto rimane ancora su un livello alto. Significa che abbiamo bisogno l'uno dell'altro. L'Europa ha bisogno del mercato russo, la Russia ha bisogno della cooperazione con l'Europa, quindi l'idea di uno spazio economico unico non scomparirà. Sul piano economico è assolutamente ragionevole. Inoltre è avanzata una nuova idea, ne ha parlato di recente il presidente Putin: l'idea di stabilire relazioni reciproche tra le principali associazioni di integrazione in tutto lo spazio eurasiatico. Si tratta dell'Unione Europea, dell'Unione Economica Eurasiatica, dell'Organizzazione di Shanghai per la cooperazione e della Via della Seta (progetto cinese). Penso che se si uniscano insieme questi progetti, allora tutti hanno da guadagnarci.

    Sono compatibili e concorreranno tra di loro. Sono compatibili perché il mondo è grande, e la Russia è un Paese vasto, e siamo ovviamente pronti a continuare la nostra collaborazione con l'Unione Europea.

    Stiamo sviluppando la cooperazione con la regione Asiatico-Pacifica. Anche noi abbiamo una vasta cooperazione, e in effetti ci sono nuove idee. Ma credo che abbiamo le capacità di accordarsi sia su progetti bilaterali che su progetti trilaterali. Stiamo lavorando attivamente con le imprese europee che forniscono i loro prodotti e creano propri centri di produzione in Russia. Forniamo i nostri prodotti ed allo stesso modo creiamo la propria produzione in Europa, ma abbiamo l'Estremo Oriente. E' enorme, c'è la Siberia, dove c'è una quantità enorme di risorse che possono essere fornite, ci siamo accordati con la Cina. In generale il percorso dalla Cina verso l'Europa non può passare a fianco della Russia. Questi vantaggi, penso, debbano essere sfruttati sia dall'Unione Europea che dalla Repubblica Popolare Cinese, così come dagli altri partner che ci sono (India, Giappone, Corea e molti altri Paesi). Il nostro Paese ha un enorme potenziale di transito e logistico tra le altre cose."

    Tags:
    Unione economica euroasiatica, Cooperazione, Politica Internazionale, Economia, Commercio, Organizzazione di Shanghai per la cooperazione - SCO, Unione Europea, Dmitry Medvedev, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik