06:18 23 Ottobre 2017
Roma+ 14°C
Mosca0°C
    Bandiera Austria

    L’Austria euroscettica chiede il referendum per uscire dall’UE

    © Fotolia/ Kristina Afanasyeva
    Politica
    URL abbreviato
    11353220

    Raccolte 261mila firme. Ora il Parlamento deve pronunciarsi, mentre le distanze fra i popoli e le istituzioni diventano sempre più incolmabili.

    Aumentano gli euroscettici e cresce la febbre referendaria contro l'Unione europea. In Austria sono state depositate le firme di oltre 261mila cittadini (il 4,12 per cento degli elettori) che chiedono di tenere un referendum sull'uscita dall'UE.  In base alla legge austriaca bastano 100mila firme perché una richiesta di referendum debba essere discussa in Parlamento, che ora dovrà dunque prendere una decisione sull'iniziativa lanciata dalla 66enne Inge Ruascher, da sempre una "pasionaria" dell'abbandono dell'Unione.

    Le regioni dove si è registrato il maggior appoggio alla petizione sono state l'Austria bassa con il 5,18%, e la Carinzia con il 4,85%. L'iniziativa è bipartisan e ha sfondato puntando solo sul web. Segno che la pancia dell'opinione pubblica si sta muovendo al di sotto dei circuiti "ufficiali". Lo slogan è "Tornare a un'Austria libera e neutrale", molto simile ai manifesti anti euro di destra e di sinistra sparsi nel continente, da Salvini a Grillo, dalla Le Pen agli ungheresi. È il segnale che qualcosa nel cuore dell'Europa si sta muovendo, e non è qualcosa di rassicurante per Bruxelles e Strasburgo.

    Tuttavia, recenti sondaggi nazionali indicano che solo un terzo del popolo austriaco sia favorevole a lasciare l'Europa, nonostante la crescita dei movimenti euroscettici. Inoltre, sarà difficile che una proposta sostenuta nel Paese soltanto da comitati di cittadini possa trovare appoggi tra i partiti. Nessuna forza politica, ufficialmente, ha sostenuto la raccolta delle firme. Può essere, quindi, che il Parlamento alla fine respinga la proposta. Ma il vero nodo della questione è un altro. Indipendentemente dal percorso parlamentare, infatti, lo scenario di un referendum è ora più vicino. E di fronte a una consultazione popolare la politica sarebbe obbligata ad accettare il responso.

    In ogni caso, i parlamentari non potranno sorvolare sul tema a cuor leggero. Duecentocinquantamila firme — 261.259 per l'esattezza — sono tutt'altro che un risultato trascurabile.

    Correlati:

    E' ora di liberare l'Europa dalla UE: in Austria al via raccolta firme per legge popolare
    L'Austria snobba i Paesi Baltici: chiuse le ambasciate per “Stati più importanti”
    Tags:
    Unione Europea, firme, euroscetticismo, Referendum, Austria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik