06:04 23 Ottobre 2017
Roma+ 14°C
Mosca0°C
    Ayatollah Ali Khamenei

    Khamenei: l'Iran deve continuare a resistere contro gli Stati Uniti

    © AP Photo/ Office of the Iranian Supreme Leader
    Politica
    URL abbreviato
    0 20970

    Il leader supremo dell'Iran, l'ayatollah Ali Khamenei, ha affermato che il popolo di Teheran "deve essere pronto a proseguire l'opposizione contro le potenze arroganti".

    Indipendentemente dal risultato dei negoziati sul programma nucleare, l'Iran non deve cessare di resistere agli Stati Uniti, ha dichiarato il leader supremo del Paese, l'ayatollah Ali Khamenei.

    Come riporta l'agenzia Reuters, citando una stazione televisiva locale, in un incontro con gli studenti iraniani Khamenei ha definito gli Stati Uniti "un grande esempio di arroganza", ed ha aggiunto che il popolo di Teheran "deve essere pronto a proseguire l'opposizione contro le potenze arroganti ".

    Questa dichiarazione è stata fatta sullo sfondo dei negoziati in corso sul programma nucleare di Teheran tra l'Iran e i Paesi del "sestetto", che comprende il Regno Unito, la Germania, la Cina, la Francia, la Russia e gli Stati Uniti.

    In precedenza nella giornata di ieri il ministro degli Esteri dell'Iran Mohammad Javad Zarif aveva condotto una serie di incontri bilaterali, tra cui con il segretario di Stato americano John Kerry, con il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius e con il capo della diplomazia della UE Federica Mogherini.

    Sabato i negoziati sul nucleare iraniano sono passati ad un formato bilaterale, ma è possibile che possa avvenire un incontro tra il "sestetto" di mediatori internazionali a livello di ministri e delegazioni estere.

    In precedenza era stato riferito che le due parti confidano di raggiungere un'intesa entro lunedì 13 luglio.

    Tags:
    Nucleare, Politica Internazionale, Geopolitica, Occidente, Unione Europea, Mediatori internazionali su nucleare iraniano, Federica Mogherini, John Kerry, Laurent Fabius, Ali Khamenei, USA, Iran
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik