01:37 17 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 7°C
    Principe Mohammed bin Salman

    L'Arabia Saudita ha bisogno dell'alleanza con la Russia

    wikipedia / Sent via OTRS
    Politica
    URL abbreviato
    0 433

    L'Arabia Saudita, fedele vassallo degli Stati Uniti, si è trovata di fronte a problemi in molti settori ed è alla ricerca di una via d'uscita da questa situazione grazie al riavvicinamento con la Russia, scrive il portale ceco “Parlamentnilisty.cz”.

    La visita in Russia del principe Mohammed bin Salman, ministro della Difesa dell'Arabia Saudita, suggerisce la necessità del Paese arabo di trovare sostegno e di acquisire un nuovo alleato, scrive il portale ceco.

    L'incontro di Mohammed bin Salman e Vladimir Putin si è svolto nell'ambito del Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo (SPIEF 2015). Durante l'incontro Putin ha detto di essere stato invitato in Arabia Saudita e di voler sfruttare questa opportunità. Il ministro della Difesa dell'Arabia Saudita a sua volta ha confermato che il re saudita ha accettato l'invito per visitare la Russia.

    La delegazione dell'Arabia Saudita ha firmato complessivamente con la Russia 6 accordi di cooperazione in campo nucleare e militare.

    "Ma molto più importante e soprattutto più sorprendente appare l'accordo di cooperazione nel settore petrolifero, che nel prossimo futuro dovrebbe portare ad un nuovo aumento dei prezzi mondiali del petrolio," — si evidenzia nell'articolo.

    Secondo l'autore dell'articolo, la sola menzione dell'alleanza petrolifera russo-saudita è di per sè incredibile, soprattutto se si tiene conto della politica saudita, che già per il secondo anno tiene i prezzi del petrolio bassi a danno della Russia.

    Tuttavia la nuova dinastia reale saudita ha una nuova leadership, che può distinguersi da quella precedente nel cercare di ampliare la gamma di possibili "amici" a seguito dei tempi difficili per l'Arabia Saudita.

    Riyad ha messo lo zampino nella destabilizzazione della situazione in Libia, Siria e Iraq, in misura minore in Egitto, ma tutti questi campi di battaglia geopolitici e reali stanno uscendo fuori dal suo controllo, scrive il portale. A seguito dei bassi prezzi del petrolio è in crescita il deficit di bilancio e la maggior parte della popolazione del regno super-ricco vive in condizioni di estrema povertà.

    "Sembra che al Cremlino non sia necessario stringere un'alleanza con l'Arabia Saudita, in quanto attualmente questa unione serve più all'Arabia Saudita che alla Russia," — si osserva nell'articolo.

    Tanto più che la svalutazione del rublo non ha pregiudicato di molto le entrate a seguito dei bassi prezzi del petrolio, che non possono rimanere a questi livelli per molto tempo, aggiunge l'autore.

    "L'Arabia Saudita, fedele ma nell'ultimo periodo sempre più vassallo ostinato degli Stati Uniti in Medio Oriente, in molti settori è finita in un vicolo cieco e sta cercando una via d'uscita," — afferma l'autore, sottolineando che Mosca ha certamente in mano la crescita dell'influenza russa nella regione.

    Tags:
    Cooperazione, Geopolitica, Politica Internazionale, Energia, Petrolio, Mohammed bin Salman, Vladimir Putin, Medio Oriente, Arabia Saudita, Egitto, Libia, Iraq, Siria, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik