01:33 17 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 7°C
    Orchidee e cioccolato

    Sanzioni, fiori e cioccolato

    © Fotolia/ FomaA
    Politica
    URL abbreviato
    0 131

    L’embargo dei fiori e del cioccolato potrebbe costare all’Europa centinaia di milioni di euro.

    La Russia ha preparato delle nuove misure con cui rispondere al rinnovo delle sanzioni da parte dell'Unione Europea. Le contromisure di Mosca saranno prorogate, l'elenco delle merci soggette all'embargo sarà allungato. L'economia dell'UE perderà centinaia di milioni di euro, scrive il portale Gazeta.ru.

    Secondo i funzionari russi, le ritorsioni della Russia contro le aziende agricole di Europa, USA, Canada e Australia, aiutano le aziende russe a crescere. Per questo motivo sulla lista dell'embargo potrebbero finire dei prodotti occidentali dei settori in cui per la Russia, fino a questo momento, era difficile competere. Per esempio, fiori e cioccolato.

    "Molti paesi vorrebbero venderci i loro fiori, ma nel caso dell'embargo noi stessi possiamo rilanciare questo settore. Da tempo si parla anche di opportunità di contratti diretti con i paesi dell'America latina, per importare i fiori che attualmente arrivano attraverso l'Olanda", — osserva Alexey Alekseenko, vice direttore di Rosselkhoznadzor, ente russo per i controlli sui prodotti agricoli e fitosanitari.

    Campi di fiori in Olanda
    © REUTERS/ Yves Herman
    Campi di fiori in Olanda

    Secondo Alekseenko, le aziende russe chiedono anche di vietare l'importazione del cioccolato dall'Europa.

    "I negozi russi sono pieni di cioccolato belga, francese, tedesco… Ma è un segmento che i produtttori locali vorrebbero occupare", — dice Alekseenko.

    Al tempo stesso egli ha rilevato che l'unico organismo, competente di prendere decisioni sull'ampliamento dell'embargo, rimane il governo della Russia. Tuttavia le decisioni del governo possono dipendere anche dalle "richieste" delle aziende e dalla situazione politica. La limitazione delle importazioni del cioccolato e dei fiori sarà un duro colpo finanziario per i paesi dell'Unione Europea, in primo luogo per Francia e Belgio che, in precedenza, avevano bloccato i conti delle missioni diplomatiche russe. Ne risentirà anche l'Olanda.

    L'Olanda esporta in Russia, in quantità inimmaginabili, fiori coltivati in Europa e in America latina, che opera da centro di smistamento. Secondo i dati della dogana russa, nel 2014 la Russia ha importato 14,7 mila tonnellate di bulbi, tuberi, radici e rizomi per un totale di 38 milioni di dollari USA. L'importazione di piante (propagoli, alberi e arbusti) hanno costituito 26,5 mila tonnellate ($58,3 milioni), di fiori — $233,6 milioni.

    Francia e Belgio sono tra i più grandi produttori di cioccolato. Secondo le statistiche, nel 2014 la Francia ha venduto in Russia 5600 tonnellate di cioccolato per un totale di quasi $37,5 milioni, mentre le importazioni dal Belgio, nello stesso periodo, hanno costituito $47,3 milioni
    .

    Correlati:

    Appello a Renzi: basta sanzioni contro la Russia!
    Danni dell’Occidente a causa delle sanzioni più grandi di quelli ufficiali
    Tags:
    Contromisure, Rinnovo sanzioni, Unione Europea, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik