01:03 25 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
0 51
Seguici su

Gli attacchi ai giornalisti siano assolutamente nocivi per la democrazia”, ha osservato il noto economista francese Jacques Sapir, direttore della Scuola superiore di scienze sociali (EHESS).

Sapir, che è anche direttore del Centro di studi sull'industrializazione CEMI-EHESS, ha detto in particolare:. 

"Quella sul blocco dei beni della Russia, in particolare dei conti dell'agenzia "Rossiya Segodnya", è una decisione giuridica, ma l'aspetto politico è abbastanza palese. Il fatto che la decisione sia stata varata il giorno in cui veniva inaugurato il Forum internazionale di San Pietroburgo, e che abbia colpito rappresentanti dei media, dimostra chiaramente la natura politica di queste azioni.

Il governo francese, seppure non lo dica apertamente, si lamenta in continuazione dei successi dei media russi, mentre i media francesi vengono da esso finanziati sia in maniera diretta, come France-Télévision e France-24, sia indirettamente, attraverso versamenti al budget comunitario, come avviene nel caso delle televisioni europee. Non possiamo quindi accusare l'altra parte di propaganda in territorio francese, dato che anche noi facciamo lo stesso.

Dobbiamo accettare come un fatto incontestabile la presenza e l'attività dei media stranieri nel nostro territorio. Il pluralismo delle opinioni e delle idee, le discussioni sono un elemento innegabile della democrazia. Certo, il governo di ogni paese ha il diritto, e anche il dovere, di accertarsi che la televisione e le edizioni stampate non infrangano la legge e non esortino all'odio e alla violenza. Tuttavia le accuse ai giornalisti della Russia sono di natura diversa.

Credo che attaccare la stampa sia assolutamente nocivo per l'essenza stessa della democrazia. Le agenzie d'informazione e i canali televisivi francesi che lavorano in Russia potrebbero essere colpiti da ritorsioni. Ciò non sarebbe assolutamente nell'interesse dei rapporti tra i due paesi e creerebbe il rischio di un clima da guerra fredda tra Russia e Francia".    

Correlati:

Francia e Belgio bloccano i conti di “Rossiya Segodnya”
Tags:
Sequesto beni russi, Jacques Sapir, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook