00:38 16 Dicembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 2°C
    Ignazio Marino, sindaco di Roma

    Roma, l'ultimatum di Renzi al sindaco

    © Foto: Flickr
    Politica
    URL abbreviato
    0 0 0

    Nella capitale aumenta il pressing del presidente del consiglio al sindaco Ignazio Marino. Dopo la frase sulle elezioni comunali apparsa ieri sui giornali, Renzi rincara la dose: Non basta l'onestà, bisogna essere capaci.

    Si stringe la morsa attorno a Marino e alla sua giunta comunale, dopo gli ultimi sviluppi delle indagini su Mafia capitale, che pure non vedono il sindaco tra gli indagati. Ieri le parole di Renzi rilasciate a La Stampa, in un'intervista in cui a proposito di Roma aveva detto "se torna il Renzi 1 fossi in Marino non starei tranquillo". E sempre ieri, negli studi Rai di Porta a Porta, il premier italiano è tornato sulla questione Roma, mentre il sindaco Marino va avanti nonostante le contestazioni permanenti sotto la sua finestra del palazzo Senatorio del Campidoglio.

    "Sia il sindaco che l'amministrazione si guardino allo specchio e decidano cosa fare. Quest'anno c'è il Giubileo, tutto il mondo ci guarderà. Chi è in grado di governare governi, se non è in grado vada a casa".

    Questa la frase con cui Renzi a spiegato il suo punto sulla situazione della capitale, sulla cui gestione il prefetto Gabrielli presenterà entro fine luglio la sua relazione al governo che dovrà poi decidere, di concerto con il Viminale, sull'eventuale commissariamento. Il presidente del Consiglio, che secondo la stampa più vicina a palazzo Chigi, aveva già escluso proprio l'ipotesi di commissariamento della città nell'anno del Giubileo, lo ha confermato ieri, dando però un ultimatum a Marino.

    "Ignazio Marino è una persona onesta e perbene — ha proseguito Renzi nel salotto di Bruno Vespa su Rai1 — E gli viene riconosciuto da tutti. Ma chi è onesto deve essere anche capace".

    Una stoccata questa che conferma in qualche modo il cambio di linea registrato su Roma negli ultimi giorni. Da una difesa senza se e senza ma, oggi l'Esecutivo chiede al sindaco uno o più segnali tangibili sul piano dell'amministrazione.

    "Si continua a dire se va avanti o no — ha riassunto il concetto Renzi — A me interessa capire se l'amministrazione pulisce le strade, mette a posto buche e risolve le emergenze".

    Correlati:

    Renzi: Tradizionale amicizia Italia Russia per le nuove sfide globali
    Migranti, governatori del nord contro Renzi
    Immigrazione: il piano N(ulla) di Renzi
    Renzi: Stop alle primarie nel PD
    Tags:
    sindaco, Matteo Renzi, Ignazio Marino, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik