20:37 19 Gennaio 2018
Roma+ 14°C
Mosca-8°C
    Un impianto nucleare in Iran

    I “sei” del negoziato con l’Iran stanno cercando un compromesso

    © AP Photo/ Vahid Salemi
    Politica
    URL abbreviato
    0 02

    I mediatori internazionali del negoziato sul programma nucleare dell’Iran (Russia, Cina, Germania, Francia, Gran Bretagna e USA) stanno cercando un compromesso sull’eventuale rinnovo delle sanzioni contro l’Iran.

    Secondo il vice ministro degli Esteri della Russia Sergey Ryabkov, tale approccio tiene conto delle preoccupazioni sia degli USA che della Russia.

    In un'intervista all'agenzia RIA Novosti il diplomatico, che guida la delegazione della Russia alle trattative, ha dichiarato:

    "Esiste un determinato schema che permette di coniugare la nostra linea, non discutibile, volta a garantire il ruolo del Consiglio di sicurezza in qualità di organismo decisionale in questo campo. Non accetteremo cioè scorciatoie e schemi che aggirino il Consiglio di sicurezza, ed il fatto che ciò sia stato recepito dai colleghi, è positivo. D'altra parte però gli USA insistono, affinché tutte o parte delle sanzioni possano essere reintrodotte, qualora vengano esauriti gli altri meccanismi di regolamento nel caso dell'ipotetica inosservanza dell'accordo. Per gli americani, in questo caso, è importante avere delle garanzie che tale esito sia possibile". 

    "Ci piacerebbe tanto poter salvaguardare questa variante e indicarla nel testo della successiva risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'ONU, con la quale l'accordo dovrà essere approvato, ma anche per fissare degli aspetti procedurali, e cioè, come comportarci nel caso di risvolti indesiderati", — ha aggiunto Sergey Ryabkov.

    Correlati:

    Iran accusa, 007 USA hanno contraffatto documenti su programma nucleare di Teheran
    Lavrov sicuro, per successo negoziati su nucleare Iran serve rispetto accordi di base
    Tags:
    Compromesso sulle sanzioni, Mediatori internazionali su nucleare iraniano, Iran
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik