17:17 19 Settembre 2017
Roma+ 22°C
Mosca+ 13°C
    Esercito Afghanistan

    Parlamentare Afghanistan: “con la NATO perse le speranze, contiamo sulla Russia”

    © AFP 2017/ Noorullah Shirzada
    Politica
    URL abbreviato
    0 571191

    La Russia prevede di contribuire a stabilizzare la situazione in Afghanistan e di collaborare a stretto contatto con le autorità del Paese. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov durante un incontro con il capo della diplomazia afghana Salahuddin Rabbani.

    "Tra i nostri Paesi esistono buone relazioni di lungo corso, facciamo tesoro di questa storia e siamo interessati a vedere che queste prove e peripezie che l'Afghanistan si trova ad affrontare nell'ultimo periodo siano superate nel più breve tempo possibile. Faremo di tutto per aiutare a stabilizzare la situazione", — ha assicurato il ministro Lavrov a Rabbani.

    In una conversazione con l'edizione in lingua dari di "Sputnik" ("Sputnik Dari") la deputata del Parlamento afghano Nazifa Zaki ha sottolineato che in Afghanistan contano sull'aiuto della Russia come partner affidabile di politica estera e garanti di pace.

    "I Paesi dell'Asia centrale, con cui in senso geopolitico si può accomunare la Russia, comprendono più a fondo e meglio l'essenza dei problemi afghani. Si ritiene che l'Afghanistan sia il cuore dell'Asia, e se non c'è pace in Afghanistan, non ci sarà negli Stati confinanti. Noi tutti abbiamo da tempo capito che lo scopo della guerra nel nostro Paese è legato alla volontà di destabilizzare la situazione in tutto il continente asiatico.

    Oggi non è necessario nascondere il fatto che la NATO e i suoi alleati non sono stati in grado di porre rimedio al terrorismo in Afghanistan. La situazione nel Paese è deplorevole. Ogni anno diventa sempre più difficile. Alcuni anni fa il numero di terroristi ammontava fino a 14mila, ma oggi il dato è 5 volte superiore. Per di più riguarda solo quelli che rivendicano alcuni attacchi e attentati terroristici… i confini tra l'Afghanistan e i suoi vicini sono aperti e incontrollati. Con la NATO non ci sono più speranze, siamo ansiosi di rafforzare il controllo comune delle frontiere con i nostri amici stranieri, compresa la Russia."

     

     

    Tags:
    Politica Internazionale, Terrorismo, Difesa, Sicurezza, Occidente, Talebani, NATO, Sergej Lavrov, Salahuddin Rabbani, Nazifa Zaki, Russia, Afghanistan
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik