07:52 26 Maggio 2019
I leader del G8 in una foto d'archivio.

Alla Russia non serve il G8

© flickr.com
Politica
URL abbreviato
1213

Le dichiarazioni del ministro degli Esteri della Germania riguardo l'opportunità di far ritornare la Russia nel G8, non significano né l'invito a Putin per partecipare al summit, né il cambio della posizione occidentale nei confronti del nostro Paese - si chiede il quotidiano "Vzglyad".

Gli attivisti con maschere che rappresentano le facce dei leader di G7
© REUTERS / Wolfgang Rattay
Mentre si avvicina il vertice del G7 in Baviera, diversi politici tedeschi hanno espresso la speranza che in futuro venga rispristinato il formato del G8, sospeso dall'Occidente a seguito della riunificazione della Crimea con la Russia.

Berlino è costretta a prendere la parola al dibattito in corso in Germania relativo all'assenza della Russia in Baviera: dopo tutto il tema principale che verrà affrontato al G7 è la crisi ucraina e "cosa fare con la Russia." Come affermato dall'analista tedesco Volker Perthes, "si è creata una situazione in cui 7 Paesi parleranno dell'ottavo, invece che 8 grandi potenze discutano insieme la situazione nel mondo."

E' comprensibile che l'opinione pubblica e i poteri forti tedeschi siano fortemente orientati alla normalizzazione delle relazioni con la Russia. Inoltre sempre più persone si rendono conto come Washington stia usando Berlino per i suoi interessi geopolitici. Ma in generale la questione della ripresa del G8 è importante solo per l'Occidente, per la Russia questo problema non esiste.

L'illusione degli anni '90, secondo cui la partecipazione al G8 fornisca lo status e le capacità di influenzare gli affari mondiali, non fa più effetto a Mosca. All'Occidente serviva il meccanismo del G8 come una forma di monitoraggio e controllo sulla Russia. Tuttavia negli ultimi anni non ha funzionato.

Non appena la Russia, iniziando a difendere i propri interessi nazionali è entrata in aperto conflitto con la geopolitica degli Stati Uniti in Ucraina, è subito seguito il tentativo per "punire" il nostro Paese con l'esclusione di Mosca dal formato. L'insensatezza di tale iniziativa, così come di tutta la storia delle sanzioni e degli isolamenti, solo ora viene capita dalla maggior parte dei leader occidentali. Tuttavia per gli Stati Uniti il conflitto in Ucraina è stato solo un pretesto per l'operazione con lo scopo di compromettere i rapporti russo-europei. Quando l'Europa vorrà riprendere le relazioni con la Russia, non a livello di singoli Paesi come sta accadendo ora, ma come entità geopolitica, dovrà utilizzare formati diversi. Con il G7, che incarna una forma di controllo di Washington sugli alleati, la Russia non si unirà più.

L'esistenza stessa del G8 è diventata obsoleta molto prima della sua sospensione formale. Nato dopo la crisi economica globale del 2008, il G20 si carica gradualmente delle funzioni del formato più importante. Di per sé ha segnato la nuova era del mondo multipolare.

Nel G20 vengono rappresentati tutti i maggiori centri mondiali di potere. Finora il "club atlantico dei 7" detta i tempi nel G20 sfruttando tutta la potenza elitaria e finanziaria delle strutture, anche se ora diventa sempre più difficile. Nell'ambito del G20 inevitabilmente si formeranno 2 poli: i Paesi del G7 e i "cinque" del BRICS. Intorno a Russia e Cina, nuclei dell'Organizzazione di Shangai per la cooperazione (SCO) e del BRICS, ogni anno si allineano diversi centri regionali di potere. America Latina, il mondo arabo, i Paesi musulmani, l'Iran, che inevitabilmente entrerà nel G20.

La riforma del sistema finanziario globale, la rimozione degli Stati Uniti dalla posizione di egemonia finanziaria e militare, il cambiamento dell'agenda globale dall'Atlantico alla multipolarità: tutto questo avverrà nel G20. La Russia lavorerà esattamente in questo formato.

Correlati:

Germania, proteste No-Global contro vertice G7 e accordo TTIP su commercio USA-UE
Vladimir Putin serve al G7
Paesi G7 vogliono aiutare Kiev per ristrutturazione debito Ucraina
Presidente comitato orientale economia di Germania critica esclusione Russia da G7
Tags:
G20, G8, G7, Baviera, Brics, Germania, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik