07:30 05 Dicembre 2020
Politica
URL abbreviato
0 351
Seguici su

Angela Merkel ha messo la riunificazione della Crimea con la Russia tra gli eventi che minacciano l'ordine mondiale. La retorica antirussa del cancelliere tedesco è contraria agli interessi del Paese, ma non è in grado di non eseguire gli ordini di Washington, ritiene il membro della Camera Pubblica della Federazione Russa Dmitry Galochkin.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha elencato tra gli eventi che hanno messo in pericolo l'ordine mondiale la riunificazione della Crimea con la Russia, così come l'impatto del virus Ebola sullo sviluppo del continente africano e la situazione in Medio Oriente. Questa tesi è stata delineata dal cancelliere tedesco in un'intervista al quotidiano giapponese "Yomiuri" in vista del summit del G7, che si svolgerà il 7 e 8 giugno nelle alpi della Baviera. A suo avviso, questi argomenti, così come le nuove sanzioni contro la Russia dovrebbero essere i temi principali del vertice.

Dmitry Galochkin ritiene che la Germania sia influenzata dagli Stati Uniti, fatto che spiega in gran parte la posizione antirussa di Angela Merkel.

"Alla Germania non conviene assolutamente da un punto di vista economico entrare in conflitto con la Russia. Perché il cancelliere tedesco Angela Merkel ha scelto questa posizione per aumentare il conflitto politico e il confronto tra la Russia e la Germania? Trovo qui solo una spiegazione. Gli americani sono attivamente impegnati in politica in Germania. La Germania è storicamente legata agli Stati Uniti. E' un Paese satellite che realizza tutti i compiti del governo americano. Per questo la Merkel, in contrasto con l'economia, dice che la Russia è un avversario,"

— ha detto a "Sputnik" Dmitry Galochkin, membro della Camera Pubblica e presidente del sindacato panrusso dei settore della sicurezza non governativa.

Ha osservato che gli Stati Uniti hanno uno scopo ben preciso: evitare che la Russia e la Germania uniscano le loro forze.

"Gli Stati Uniti hanno un obiettivo: scavare un solco tra la Russia e la Germania. Perseguono la politica della "linea di separazione" con Polonia, Stati Baltici ed Ucraina fino al Mar Nero, per creare un corridoio di piccoli Stati controllati dagli Stati Uniti posti tra Russia e Germania affinchè non ci sia cooperazione economica tra Mosca e Berlino. Sarebbe la morte dell'America che conosciamo oggi, se la Russia e la Germania potessero unire le forze,"

— ritiene Dmitry Galochkin.

Secondo lui, Angela Merkel è costretta ad agire contro la Russia in base ai diktat degli Stati Uniti.

"La Merkel è costretta a far parte di questo gioco, dal momento che è strettamente controllata. Capisce che serve lavorare con l'opinione pubblica, ma teme l'informazione che la compromette e che usano gli USA. Ma penso che a breve saranno messi tutti i puntini sulle "i" e passerà alla storia come la persona che, tra l'altro, è andata contro gli interessi della Germania stessa,"

— ha concluso il membro della Camera pubblica.

 

 

 

Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Economia, Commercio, sanzioni antirusse, G7, Angela Merkel, Germania, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook