14:01 23 Agosto 2017
Roma+ 28°C
Mosca+ 22°C
    Durante un vertice del G7

    Vladimir Putin serve al G7

    © REUTERS/ Fabrizio Bensch
    Politica
    URL abbreviato
    0 1496211

    Imprenditori tedeschi hanno trovato il coraggio di affermare la necessità della presenza al vertice del G7 del leader russo.

    Secondo il presidente del Comitato orientale tedesco di Economia Eckhard Cordes, la soluzione di molti problemi internazionali non è possibile senza coinvolgere Mosca. Pertanto non si può perdere l'occasione per dialogare con la Russia. E' d'accordo con questa tesi Matthias Platzeck, ex presidente del Partito Socialdemocratico di Germania (SPD), ora presidente della ONG "Forum russo-tedesco". Tuttavia, nonostante il parere di politici ed esperti di primo piano, non sono alte le probabilità che i loro appelli vengano ascoltati.

    In primo luogo è ben poco il tempo rimasto prima del vertice, che si svolgerà il 7-8 giugno presso il castello Elmau nelle Alpi Bavaresi. In meno di una settimana è molto difficile accordarsi, anche nella stessa Germania. Cosa possiamo dire degli altri membri del G7. I problemi degli imprenditori, e quindi delle economie europee, passano in secondo piano quando gli Stati Uniti e il Canada esprimono la loro posizione di principio sulla Russia. In secondo luogo, se l'ordine del giorno del vertice contempla la discussione delle sanzioni antirusse, come suggerito dalla Casa Bianca, è ovvio che avverrà senza la partecipazione della Russia. In terzo luogo l'invito a tali eventi deve essere necessariamente inviato in modo tempestivo e in forma dettagliata. Di conseguenza non ci sono garanzie su un'eventuale risposta positiva da parte della Russia.

    Con critiche all'indirizzo dei leader occidentali per la decisione di non invitare Putin al vertice in Baviera, si è espresso l'ex cancelliere tedesco Helmut Schmidt. Ha affermato che condurre un vertice senza il presidente russo è senza senso.

    Secondo l'ex cancelliere, Mosca avrebbe accettato l'invito a partecipare al vertice di Ellmau, "se fosse pervenuto in modo adeguato".

    In un incontro al Museo "Ständehaus" di Dusseldorf, anche l'ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder ha dichiarato che la decisione di non invitare Putin al vertice G7 in Baviera è sbagliata:

    "Penso che sia un errore il fatto che il presidente russo non sia stato invitato al vertice del G7" 

    Secondo l'ex capo del governo tedesco, la Russia ha un punto di vista alternativo per l'Europa, che tuttavia "non trova sponda dall'altra parte".

    Piuttosto i formati del G8 ed ora del G7 stanno semplicemente perdendo la loro importanza e rischiano di diventare inutili. Le questioni di attualità passano in secondo piano e sono discusse a porte chiuse. Per esempio è aperta la discussione dei problemi climatici, uno degli argomenti preferiti del cancelliere tedesco Angela Merkel. Anche se non è chiaro come si possa fare qualcosa senza il Paese più grande del mondo per estensione di territorio.

    Al vertice del G7
    © REUTERS/ Fabrizio Bensch
    Al vertice del G7

    Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha detto che la Russia non è esclusa dal G8, in quanto il G8 è un'associazione che riunisce i leader dei principali Paesi per discutere le questioni di interesse comune, "non una sorta di struttura da cui si può espellere", dove per altro non esistono meccanismi di esclusione.

    È ovvio che le decisioni sui problemi globali dovranno attendere fino allo svolgersi del G20, in un formato esteso ed ampio. Qui c'è posto per la Russia, per la Cina e gli altri Paesi con le economie più sviluppate e in espansione.

    Correlati:

    Paesi G7 vogliono aiutare Kiev per ristrutturazione debito Ucraina
    G7, dossier Grecia sul tavolo di Dresda
    Tags:
    vertice, G7, Angela Merkel, Sergej Lavrov, Canada, Gran Bretagna, Giappone, UE, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik