20:30 25 Settembre 2018
Mattarella Sergio

Mattarella: Fermare infiltrazioni criminali nello Stato

© Fotobank.ru/Getty Images / Handout
Politica
URL abbreviato
0 0 0

La lettera inviata dal Capo dello Stato italiano ai prefetti per i festeggiamenti della Festa della Repubblica, prevista per domani 2 giugno.

Lotta alle infiltrazioni criminali e alla corruzione. Questo il messaggio forte che il Presidente della repubblica italiana, Sergio Mattarella, ha inviato questa mattina ai prefetti italiani, in occasione dei festeggiamenti di domani per la festa della Repubblica. Un testo che inneggia ai valori repubblicani e costituzionali, sottolineandone l'indispensabilità e l'attualità in una fase economica e sociale definita decisiva per le sorti dell'Italia.

Nel testo della missiva, che si apre con un appello a prevenire e combattere la corruzione "ovunque si annidi", Mattarella parla della lotta ai fenomeni corruttivi come di una sfida ineludibile per lo sviluppo della società italiana ma anche per la difesa di principi come l'uguaglianza e la legalità, sui quali è fondato il sistema democratico del Paese.

"Tenace ed inflessibile deve essere l'azione contro i comportamenti illeciti e le infiltrazioni delinquenziali nella sfera pubblica"

Così l'inquilino del Colle sulla necessità di trasparenza e imparzialità nella pubblica amministrazione, per consentire ai cittadini una vera partecipazione ai processi decisionali ma anche il controllo sull'esercizio delle funzioni istituzionali.

"Perseguire l'interesse generale — si legge nella lettera partita dal Quirinale — ed assicurare, in modo uniforme in tutte le aree del Paese, decisioni efficaci a garanzia dei diritti fondamentali e della pari dignità sociale sono condizioni imprescindibili per preservare la coesione sociale".

Correlati:

Mattarella: Corruzione è conseguenza cattiva politica
Mattarella a Londra: Uniti nella diversità
Tags:
corruzione, Sergio Mattarella, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik