22:05 12 Maggio 2021
Politica
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

L’Unione Europea svolgerà un’operazione navale nel Mediterraneo. In Europa è allarme ISIS: terroristi sbarcano insieme agli immigrati. Ciò signfica che l’UE è pronta ad affondare i barconi. Ma lo farà davvero?

"È stata raggiunta la decisione per lo svolgimetno di un'operazione navale contro i contrabbandieri e i trafficanti di esseri umani nel Mediterraneo", — ha comunicato il capo della diplomazia europea Federica Mogherini nel corso dell'incontro dei ministri degli Esteri dei paesi UE a Bruxelles. L'operazione potrebbe partire già in giugno, in concomitanza con il prossimo vertice dei capi di Stato e di governo UE.

È stata raggiunta la decisione per l’operazione navale contro i contrabbandieri e i trafficanti di esseri umani nel Mediterraneo”, - ha comunicato il capo della diplomazia europea Federica Mogherini
© REUTERS / Francois Lenoir
È stata raggiunta la decisione per l’operazione navale contro i contrabbandieri e i trafficanti di esseri umani nel Mediterraneo”, - ha comunicato il capo della diplomazia europea Federica Mogherini

Mogherini ha detto che l'essenziale è prendere la decisione politica per poter cominciare, già nelle prossime settimane, i preparativi per l'operazione contro i gruppi criminosi, rilevando che l'accordo sull'inizio dell'operzione faciliterà anche l'ottenimento del mandato dell'ONU. "Si tratta di un'operazione in mare e di quello che potremo fare con le persone che andremo a salvare", — ha detto Federica Mogherini. A sua detta, tutti i paesi dell'UE devono essere responsabili per la soluzione dei relativi problemi.

Secondo il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz, "soltanto il Consiglio di sicurezza dell'ONU può dare all'Europa il mandato per svolgere un'operazione militare nel Mediterraneo, avere un invito delle autorità libiche è impossibile, perché a Tripoli non esiste un governo unico".

Russia non parte?

Mosca tiene nel Mediterraneo un suo gruppo navale che recentemente è stato potenziato con la fregata Ladny e le navi da sbarco Saratov e Yamal. Teoricamente, le navi russe potrebbero organizzare il blocco navale della Libia per prevenire la fornitura delle armi agli estremisti. Tuttavia la maggioranza degli esperti crede che Mosca non abbia intenzione di partecipare all'operazione dei paesi occidentali.

Il ministro degli Esteri dell'Austria ha rilevato: "Ho avuto un incontro con il ministro degli Esteri della Federazione Russa Sergej Lavrov, la sua reazione non è stata negativa, ma c'erano dei problemi che riguardano i particolari. Credo pertanto che sia possibile ottenere il mandato dell'ONU".

Allarme ISIS

Un italiano e due cittadini albanesi sono accusati di avere creato una rete di reclutamento dei cosiddetti foreign fighters per ISIS
Un italiano e due cittadini albanesi sono accusati di avere creato una rete di reclutamento dei cosiddetti foreign fighters per ISIS

Ieri il consigliere del governo libico Abdul Basit Haroun ha dichiarato che l'ISIS usa i barconi per inviare i suoi uomini in Europa. Secondo i dati dell'ONU, dall'inizio di quest'anno circa 60 000 persone hanno cercato di raggiungere l'Europa attraverso il mare Mediterraneo. Abdul Haroun ha rielvato che lo "Stato islamico" sta progettando degli attentati nei paesi UE. Ciò è stato confermato nel corso del Consiglio UE sui problemi dell'immigrazione dal Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg. "Sì, i combattenti stranieri, i terroristi dello "Stato islamico" possono nascondersi tra gli immigrati", — egli ha detto.

Affondare tutti?

Il politologo Semen Bagdasarov, direttore del Centro di studi sul Medio Oriente e l'Asia centrale, intervistato dal giornale "Vzglyad", ha confermato la pericolosità dell'ISIS per l'Europa. "Praticamente tutti gli islamisti radicali, di ogni sorta, hanno in Libia una seria rappresentanza. Anzi, in Libia intere province giurano fedeltà all'ISIS. Con la massa dei profughi che c'è oggi per i terroristi non è assolutamente difficile inviare i loro uomini che poi organizzano attacchi nelle città europee. In questo senso l'Europa ha ogni motivo per temere l'immigrazione", — ha detto Bagdasarov.

"Svolgere un'operazione armata è assurdo"

Secondo l'esperto militare, direttore della rivista "Arsenale della Patria", Viktor Murakhovsky, dal punto di vista tecnico, svolgere un'operazione nel Mediterraneo sarà molto difficile. "Dal punto di vista militare, l'operazione dell'UE e della NATO è assurda. I terroristi dello "Stato islamico", che arrivano in Europa insieme ai profughi, non viaggiano su navi speciali. L'unica cosa che gli europei possono fare sarebbe affondare tutti quanti. Probabilmente fermeranno alcuni barconi per perquisire gli immigrati, non c'è nient'altro che potrebbero fare. Il Mediterraneo già viene regolarmente pattugliato dalle navi italiane, turche, francesi e spagnole. Non devono inventare nulla, c'è già tutto", — ha detto Murakhovsky.

Correlati:

Emergenza immigrazione: all’Italia manca coraggio politico
Perché la nuova agenda immigrazione fa acqua da tutte le parti
Immigrazione, Juncker: Da Europa risposta insufficiente
Tags:
decisione politica, incintro dei ministri, ONU, Federica Mogherini, UE, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook