21:22 23 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 18°C
    Teheran, Iran

    “L'Iran è l'unico Paese che combatte ISIS non a parole ma con fatti”

    © Fotolia/ Borna_Mir
    Politica
    URL abbreviato
    0 1134210

    Durante la visita del presidente iracheno in Iran, ha dichiarato che Teheran è l'unico Paese che sta collaborando non a parole ma con fatti concreti nella lotta contro ISIS.

    Reza Hojjat Shamami, membro del collegio del rettorato del Centro iraniano di ricerche per gli studi sull'Eurasia, ha dichiarato in merito per l'edizione persiana di Sputnik:

    "In generale, l'Iraq è parte del programma strategico di sicurezza dell'Iran nella regione. La vicinanza geografica, la somiglianza degli interessi geopolitici e la vicinanza delle comunità religiose sciite dell'Iraq e dell'Iran, sono i motivi principali per cui la parte irachena chiede direttamente all'Iran l'assistenza nella lotta contro ISIS. L'Iran continuerà ad assistere a garantire la sicurezza del vicino Iraq.

    L'Iran è molto scettico sulle attività della coalizione occidentale contro lo "Stato Islamico", dubitando delle reali intenzioni dell'alleanza. La grande questione aperta è se il suo scopo sia davvero la distruzione di ISIS.

    I membri della coalizione in un modo o nell'altro hanno sostenuto lo "Stato Islamico" e erano inizialmente interessati ad uno sviluppo efficace delle attività del gruppo in Medio Oriente. Questa è una politica diretta contro l'Iran. È improbabile che la posizione del nostro Paese cambi in questo senso, salvo in caso di emergenza. Se le azioni militari da parte di ISIS prometteranno conseguenze disastrose, non escludo una cooperazione dell'Iran con la coalizione internazionale antiterroristica. Al momento l'equilibrio dei poteri è un altro. Inoltre molti Paesi della coalizione si oppongono con forza all'ingresso dell'Iran nei suoi ranghi".

    Shuaib Bahman, esperto di Medio Oriente, redattore capo del portale analitico-informativo IranianPolicy.com:

    "L'Iran è garante della stabilità e della sicurezza in Medio Oriente e nella regione del Golfo Persico. La politica militare dell'Iran è orientata al sostegno dei suoi vicini di fronte alle minacce esterne. Il governo mira a perseguire una politica di consolidamento in tutta la regione dei due grandi gruppi islamici: sciiti e sunniti. Abbiamo una ricca esperienza militare e siamo pronti a condividerla".

     

     

    Tags:
    Terrorismo, Geopolitica, Politica Internazionale, Sicurezza, Stato Islamico, ISIS, Golfo Persico, Medio Oriente, Iran, Iraq
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik