14:51 27 Aprile 2017
    L’Alto rappresentante dell’Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini ha confermato la sua visita a Mosca in aprile

    Migranti, Mogherini presenta piano all'ONU

    © AP Photo/ Efrem Lukatsky
    Politica
    URL abbreviato
    0 15605

    Oggi l'Alto Rappresentante per la politica Estera EU al Palazzo di Vetro per descrivere il piano europeo per affrontare l'emergenza migranti nel Mediterraneo. La spinta di Juncker per l'equa redistribuzione dei profughi tra i Paesi membri.

    Sarà presentata oggi al Consiglio di Sicurezza dell'ONU la bozza della nuova agenda sui migranti, approntata dalla Commissione Europea nei giorni scorsi e su cui Federica Mogherini cercherà nelle prossime ore di strappare un appoggio formale da parte del Palazzo di Vetro.

    Il testo approntato dal commissario UE all'immigrazione Dimitris Avramopoulos, dopo il vertice straordinario in cui sono stati messi a punto i dettagli, sarà presumibilmente approvato mercoledì prossimo dal collegio dei commissari europei, prima di essere sottoposto al parlamento di Strasburgo.

    Oggi però, Mogherini proverà a convincere i membri non europei del Consiglio di Sicurezza ONU a dare una spinta decisiva all'Agenda, anche per superare le reticenze di quei paesi membri UE che si oppongono da una parte, e far pressione sul rappresentante permanente libico alle Nazioni Unite, ad accettare interventi europei nelle acque territoriali del suo Paese.

    Quattro i pilatri fondamentali del progetto. Il controllo delle frontiere a sud della Libia e dei paesi limitrofi, progetti di cooperazione con i paesi di origine dei grandi flussi migratori, come già ipotizzato nelle scorse settimane, ma soprattutto interventi mirati contro scafisti e trafficanti, tramite missioni di sicurezza e l'obbligo sulla divisione dei flussi di profughi tra i paesi membri dell'UE. Questi ultimi due punti, come noto, sono al centro del dibattito più acceso.

    E se per quelle che sono da tempo definite come operazioni destinate alla ditruzione dei barconi, a cui appunto pone l'alt la rappresentanza libica in sede ONU, sul unto forse più controverso, rappresentato dall'equa distribuzione dei profughi sul territorio europeo, la Commissione ha invocato l'articolo 78 del Trattato di Lisbona, rimasto finora lettera morta e mai applicato.

    "Qualora uno o più Stati membri debbano affrontare una situazione di emergenza caratterizzata da un afflusso improvviso di cittadini di Paesi terzi, il Consiglio, su proposta della Commissione, può adottare misure temporanee a beneficio dello Stato membro o degli Stati membri interessati"

    Questo il comma 3 dell'articolo in questione, che nelle aspettative della Commissione consentirà di procedere alle votazioni per maggioranza, a causa della situazione emergenziale, evitando così il veto dei membri contrari alla decisione.

    Correlati:

    Migranti, Renzi: Europa agisca contro moderno schiavismo
    Tags:
    Immigrazione, Federica Mogherini, UE
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik