08:04 19 Luglio 2018
Dipartimento di Stato USA

Gli USA si oppongono apertamente alle forniture di gas russo attraverso Grecia

© flickr.com / Tom Arthur
Politica
URL abbreviato
0 274

Il ministro della Produzione, dell’Ambiente e dell’Energia della Grecia, Panagiotis Lafazanis ha confessato che l’inviato speciale del Dipartimento di Stato gli ha detto apertamente che gli USA non vogliono che il nuovo gasdotto venga costruito.

Durante un incontro ad Atene, l'inviato speciale del Dipartimento di Stato USA per gli affari energetici Amos Hochstein ha apertamento dichiarato che gli USA non vogiono che venga costruito il nuovo gasdotto per le forniture di gas russo verso l'Europa, a sostituzione di "South Stream". Lo ha fatto sapere il ministro della Produzione, della Ricostruzione dell'Ambiente e dell'Energia della Grecia Panagiotis Lafazanis in un intervista al giornale "Pro Thema".

Il premier ministro greco Tsipras con Vladimir Putin.
© Sputnik . Sergei Guneyev
Il premier ministro greco Tsipras con Vladimir Putin.

Secondo Lafazanis, il governo greco aderisce in maniera incondizionata alla costruzione del gasdotto per la fornitura di metano russo, pertanto entrambe le parti hanno già intrapreso e continuano a intraprendere dei passi per l'implementazione del progetto. "Dagli USA questo gasdotto non è certamente gradito, e Hochstein me l'ha detto onestamente durante un nostro recente incontro", — ha spiegato Lafazanis.

"Crediamo comunque che questo gasdotto sia nell'interesse del nostro paese e che sia economicamente ed energeticamente consistente", — ha detto il ministro greco. Secondo Lafazanis, i vantaggi del gasdotto, che dovrebbe entrare in esercizio dopo il 2019, non si limitano al transito del gas o ai contratti di costruzione. "I vantaggi saranno anche diretti", — egli ha detto.    

Correlati:

Gli USA chiedono alla Grecia di rinunciare a "Turkish Stream" e costruire TAP
La Grecia pronta a firmare con Russia affare miliardario per costruzione gasdotto “Turkish Stream”
Tags:
Gas russo, Dipartimetno di Stato, Panagiotis Lafazanis, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik