14:55 27 Aprile 2017
    L’Ufficio dell’ONU per gli Affari Umanitari constata che in Ucraina più di 670mila persone, di cui il 90% vive nelle repubbliche della Novorossia, sono a rischio e hanno un urgente bisogno di cibo.

    Il blocco del Donbass sta fruttando a Kiev decine di milioni

    © Sputnik. Mikhail Voskresenskiy
    Politica
    URL abbreviato
    0 110580

    Le autorità della Repubblica popolare di Donetsk (DNR) denunciano numerose violazioni del cessate il fuoco e bombardamenti da parte delle truppe ucraine con l’utilizzo di armi pesanti.

    Nelle ultime 24 ore l'esercito ucraino ha provato a rompere il fronte nella zona dei centri abitati di Gorlovka e Shirokino. I rappresentanti delle milizie hanno spiegato perché gli ucraini continuano a fomentare la tensione a Shirokino che non ha alcuna importanza strategica: il blocco del Donbass è per loro un ottimo business.

    Lunedì le truppe ucraine hanno provato a sfondare le posizioni della DNR a Gorlovka e Shirokino.

    "I mortai sparano già da alcuni giorni. Gorlovka viene bombardata per supportare le truppe ucraine che stanno cercando di avanzare in direzione della città. Le milizie difendono le loro posizioni senza l'uso di armi pesanti. Con le sole armi da tiro noi cerchiamo di contenere l'avversario per bloccare la sua avanzata verso la città", — ha detto all'Agenzia RIA Novosti un rappresentante della Guardia della DNR. L'interlocutore ha rilevato che in parallelo le forze ucraine hanno lanciato un'offensiva in direzione del paesino di Shirokino. 

    Secondo i dati del Ministero della Difesa della DNR, nelle ultime 24 ore la parte ucraina per 70 volte ha violato il regime di cessate il fuoco. Nel contempo i militari di Kiev, sulla loro pagina su Facebook, hanno scritto che gli attacchi da parte dela DNR sono diventati più frequenti, tanto che domenica sera i miliziani avrebbero violato la tregua per 45 volte. "In tal modo — denunciano i militari ucraini — nelle ultime 24 ore ci sono state ben 95 violazioni del cessate il fuoco — quasi quante ne venivano rilevate prima della firma degli accordi di Minsk".

    Un abitante di Donetsk nella sua casa dopo il bombardamento del 3 maggio.
    © Sputnik.
    Un abitante di Donetsk nella sua casa dopo il bombardamento del 3 maggio.

    Commentando la situazione il presidente del Consiglio popolare della DNR Andrey Purghin ha osservato che "la tensione a Shirokino viene fomentata ad arte", la parte ucraina sta semplicemente cercando di creare per gli europei il quadro di una "guerra permanente". Secondo Purghin, agli ucraini fa comodo avere questo focolaio di tensione in un posto quasi spopolato, in mezzo alla steppa, dove si può sparare senza interruzione, creando una parvenza di intensi combattimenti.

    Andrey Purghin ha osservato che il blocco economico contro Donbass permette alla Guardia nazionale dell'Ucraina di guadagnare ogni giorno decine di milioni di hryvni. "Per passare con un TIR carico di carne, al posto di blocco della Guardia nazionale occorre pagare 150mila hryvni. In tal modo loro guadagnano decine di milioni al giorno. Di conseguenza, anche se il cibo c'è, tutto comincia a costare il doppio rispetto ai prezzi in Ucraina. Sul piano delle medicine la situazione è ancora più grave, perché moltissimi farmaci non sono disponibili fisicamente", — ha detto Purghin in un'intervista all'emittente russa "RSN".

    Tempo fa, in un suo rapporto settimanale, l'Ufficio dell'ONU per gli Affari Umanitari constatava che in Ucraina più di 670mila persone, di cui il 90% vive nelle repubbliche della Novorossia, sono a rischio e hanno un urgente bisogno di cibo.

    Il capo della Repubblica popolare di Donetsk Alexandr Zakharchenko ha esortato i leader di Russia, Germania e Francia a far pressione su Kiev per obbligare l'Ucraina a rispettare gli accordi di Minsk.

     

     

    Correlati:

    “L'Ucraina verso il collasso sociale”
    Poroshenko dà il via libera alla colonizzazione e speculazione in Ucraina
    Tags:
    tregua, accordi di Minsk, esercito ucraino, Andrey Purghin, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik