15:56 28 Aprile 2017
    Crimea

    L'Occidente non vuole costringere la Russia a restituire la Crimea all'Ucraina

    © Sputnik. Vladimir Ostapkovich
    Politica
    URL abbreviato
    0 1003170

    In Europa si rendono conto che i tentativi per riportare la Crimea in Ucraina sono possibile solo tramite l'uso della forza e nessuno ha interesse ad una nuova escalation militare, ha detto in un'intervista con “Deutsche Welle” il politico europeo Günter Verheugen.

    L'Europa toglierà le sanzioni contro la Russia una volta raggiunta una soluzione pacifica del conflitto in Ucraina, i politici occidentali non hanno intenzione di legare la questione delle sanzioni con la restituzione della Crimea. Questo parere è stato espresso in una intervista con Deutsche Welle da Günter Verheugen, responsabile del dipartimento dell'integrazione europea nell'Agenzia di modernizzazione dell'Ucraina, ex vicepresidente della Commissione Europea e commissario europeo per l'allargamento della UE.

    "Molto probabilmente i politici occidentali non hanno intenzione di costringere Mosca a restituire la Crimea, perché è chiaro che è possibile soltanto con l'uso della forza militare. Poiché nessuno vuole un intervento militare, la situazione è abbastanza chiara,"

    — ha detto l'ex commissario.

    "La Russia è un partner importante e forte. La Russia è una parte integrante dell'Europa. Prendete per esempio la questione del futuro dell'approvvigionamento energetico dell'Europa. Abbiamo bisogno della Russia come partner economico e come partner per affrontare le sfide globali. Sì, abbiamo bisogno della Russia, ma anche la Russia ha bisogno di noi,"

    — ha concluso Günter Verheugen.

     

     

     

    Tags:
    Politica Internazionale, Economia, Cooperazione, sanzioni antirusse, Occidente, Commissione Europea, Unione Europea, Günter Verheugen, Ucraina, Russia, Crimea
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik