08:02 18 Dicembre 2017
Roma+ 4°C
Mosca+ 0°C
    Bandiere Cina e USA

    “L'ostilità degli USA al rafforzamento della Cina porterà ad una guerra”

    © AP Photo/ Ng Han Guan, Pool
    Politica
    URL abbreviato
    0 412

    Gli Stati Uniti ha scelto la via della prepotenza per dominare il mondo, ma i rapporti di forza stanno cambiando con la crescita della Cina. Se Washington rinuncia al dialogo con Pechino, le probabilità di un conflitto militare sono alte, scrive la rivista “The Diplomat”.

    Giudicando i recenti avvenimenti di politica internazionale, gli Stati Uniti non sono ancora disposto a riconoscere l'esperienza storica e non vogliono prendere sul serio la Cina, scrive per la rivista "The Diplomat" Jared McKinney, ricercatore presso la London School of Economics e l'Università di Pechino.

    Così, rileva l'esperto, nel 2010 con il sostegno dell'amministrazione del presidente americano Barack Obama era stato messo a punto un pacchetto di riforme per la struttura della governance del FMI. Era stato proposto che i membri del BRICS fosse riservato una quota di voto superiore, che avrebbe più giustamente rappresentato il loro livello di contributo all'economia globale. Il progetto di riforma è stato respinto dal Congresso degli Stati Uniti.

    "E' un esempio indicativo, in quanto corrisponde alla posizione che gli Stati Uniti hanno messo a punto relativamente alla crescita della Cina: dal 2005 Washington costantemente fa pressioni su Pechino con richieste di "responsabilità" ed ha persino definito la Cina "cavaliere mondiale senza testa." La mancata modifica della governance del FMI ha aggravato i contrasti ed è apparso chiaro che gli Stati Uniti non vogliono condividere il potere con la Cina: Washington è soddisfatta dell'ordine attuale,"

    — rileva l'analista.

    Ma il mondo sta cambiando, scrive McKinney. La Cina sta creando una struttura finanziaria globale parallela, partendo dalla Banca Asiatica d'Investimento per le infrastrutture, mentre il gruppo del BRICS fonda la nuova banca dello sviluppo con un capitale di 100 miliardi di dollari. La volontà della maggior parte degli alleati occidentali di Washington di entrare nella Banca Asiatica d'Investimento per le infrastrutture in contrasto con l'indicazione degli Stati Uniti ha creato un ambiente di conflitto in cui il confronto militare tra il Washington e Pechino non sembra ora un'utopia.

     

     

    Tags:
    Occidente, Politica Internazionale, Geopolitica, Economia, Finanze, Guerra, BRICS, Banca Asiatica d'Investimento per le infrastrutture, FMI, USA, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik