12:09 13 Dicembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 3°C
    Ministero degli Esteri della Federazione Russa

    Controllo degli armamenti: la posizione della Russia potrebbe cambiare

    © Sputnik. Maxim Blinov
    Politica
    URL abbreviato
    0 111

    “Gli USA ci considerano quasi uno Stato nemico”

    A seguito della politica non amichevole da parte degli USA la Russia potrebbe trovarsi costretta a rivedere i rapporti nel campo della non proliferazione e del controllo degli armamenti, ma queste decisioni richiedono una profonda analisi, ha dichiarato il direttore del Dipartimento per la non proliferazione e il controllo degli armamenti del Ministero degli Esteri della Russia Mikhail Ulyanov.

    "Infatti, anche in pubblico abbiamo detto ai colleghi americani che difficilmente si può sperare di mantenere invariati questi rapporti nelle condizioni in cui il nostro paese è considerato quasi uno Stato nemico", — ha detto il diplomatico.

    "Non è escluso che la politica non amichevole da parte degli USA ci obblighi a vedere con occhi diversi anche alcuni altri aspetti della nostra interazione nel campo della non proliferazione e del controllo degli armamenti", — ha aggiunto Ulyanov.

    Il diplomatico ha tuttavia precisato che al momento non si tratta della revisione dell'atteggiamento dei Mosca nei confronti del Trattato New START sulla limitazione delle armi stratetiche, perché la Russia e gli USA continuano ad avere molti interessi che coincidono.

    Il 10 marzo la Russia ha deciso di sospendere la sua partecipazione alle riunioni del gruppo consultivo del Trattato sulle armi convenzionali in Europa. Da allora i suoi interessi nell'ambito del gruppo vengono rappresentati dalla Bielorussia.

    Correlati:

    Esperto: rinunciando al Trattato sulle armi convenzionali la Russia risponde alla NATO
    Tags:
    Controllo degli armamenti, Mikhail Ulyanov, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik