18:21 20 Luglio 2017
Roma+ 28°C
Mosca+ 22°C
    Zaur Dadayev, il presunto esecutore dell`omicidio di Boris Nemtzov

    Il presunto omicida di Nemtsov ha confessato

    © REUTERS/ Tatyana Makeyeva
    Politica
    URL abbreviato
    0 31250

    Zaur Dadaev, accusato di omicidio del politico Boris Nemtsov, ha confessato.

    L'ha comunicato oggi il rappresentante del Comitato Investigativo della Russia che ha partecipato all'udienza del Tribunale della città di Mosca, aggiungendo che Dadaev ha anche testimoniato contro gli altri sospettati.

    Che Dadaev avesse confessato il delitto era stato scritto già poco dopo il suo arresto, ma in seguito le parti hanno più volte ritrattato le loro deposizioni.

    "La complicità di Bakhaiev (uno degli arrestati) è confermata dalle deposizioni di un altro imputato — Zaur Dadaev", — ha detto il magistrato. Il Comitato Investigativo chiede al tribunale di non revocare la detenzione dell'imputato Bakhaiev.

    Il copresidente del partito "RPR-Parnas" Boris Nemtsov, che era anche deputato della Duma regionale di Yaroslavl, è stato assassinato il 27 febbraio  nel centro di Mosca con quattro colpi sparati alla schiena.

    L'arresto di due persone sospettate di organizzazione ed esecuzione del crimine è stato annunciato il 7 marzo dal capo del Servizio federale della sicurezza (FSB) Aleksandr Bortnikov. In seguito sono state fermati altri tre presunti complici dell'omicidio di Nemtsov. Si tratta di Anzor Gubashev, Khamzat Bakhaiev, Tamerlan Eskerkhanov, Shagit Gubashevi e Zaur Dadaev. Tutti loro sono stati arrestati dal Tribunale del rione Basmanny della città di Mosca.

    Correlati:

    Omicidio Nemtsov: presunto esecutore ritratta la confessione
    Omicidio Nemtsov, 5 richieste di custodia cautelare presentate dagli investigatori
    Tags:
    Omidicio Nemtsov, Zaur Dadayev, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik