23:07 22 Marzo 2017
    Bandiera UE

    In Europa cresce il fronte di oppositori alle sanzioni contro la Russia: USA preoccupati

    © flickr.com/ Giampaolo Squarcina
    Politica
    URL abbreviato
    0 1868274

    Il fronte di oppositori alle sanzioni contro Mosca tra i Paesi membri della UE sta crescendo e preoccupa gli Stati Uniti, che non vogliono divisioni nell'Occidente su questo tema.

    Il gruppo di oppositori alle sanzioni antirusse nella UE è in crescita: Ungheria, Italia, Grecia, Cipro, ed ora Spagna, apertamente hanno espresso insoddisfazione per la situazione attuale, scrive la rivista tedesca "Deutsche Wirtschafts Nachrichten".

    La rivista cita le parole del ministro degli Esteri della Spagna Jose Manuel Garcia-Margalit, secondo cui le sanzioni non favoriscono nessuno.

    "Le sanzioni hanno causato un grande danno all'economia spagnola. Accusiamo grandi perdite, soprattutto in agricoltura. Penso che dobbiamo in qualche modo tener conto degli interessi della Russia nel processo di negoziazione sull'associazione tra l'Ucraina e la UE," — ha dichiarato il capo della diplomazia spagnola durante la sua visita a Mosca.

    Gli USA sono preoccupati dall'evolversi di questa situazione e non vogliono divisioni nella UE sulla linea politica nei confronti della Russia.

    "Gli Stati Uniti vogliono cucire la bocca ai Paesi UE nemici delle sanzioni. L'assistente del segretario di Stato americano Victoria Nuland ha in programma visite ufficiali in quei Paesi della UE che sono favorevoli ad ammorbidire le sanzioni per rimetterli in riga," — rileva la rivista tedesca.

    Tags:
    Politica Internazionale, sanzioni antirusse, Victoria Nuland, Cipro, Spagna, Unione Europea, Ungheria, Italia, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik