19:18 23 Marzo 2017
    Donbass, milizia separatista

    “Il destino del pianeta si decide in Ucraina”

    © Sputnik. Andrei Stenin
    Politica
    URL abbreviato
    14751463

    Il presidente dell'Università Americana in Russia ritiene che, dietro gli slogan della promozione della libertà e della democrazia, l'Occidente voglia in realtà indebolire la Russia, ed è convinto che la crisi in Ucraina non si fermerà fino a quando non verrà raggiunto questo obiettivo.

    A Washington il caos in Ucraina non serviva per aiutare gli ucraini, ma per indebolire la Russia geopoliticamente e rovesciare la sua attuale leadership, ha dichiarato a Sputnik il presidente dell'Università Americana in Russia Edward Lozansky.

    "E' venuto fuori che il destino del pianeta è deciso in Ucraina non tanto dagli stessi ucraini, ma dagli Stati Uniti, dall'Unione Europea e dalla Russia, i cui interessi geopolitici si sono scontrati nella regione", — ha rilevato Lozansky.

    "Non è un segreto che il sanguinoso caos in Ucraina non è stato creato per aiutare i suoi cittadini, ma per indebolire la Russia geopoliticamente e rovesciare l'attuale leadership dietro il pretesto dei nobili slogan di promozione della libertà, democrazia e di altri valori occidentali," — ritiene Lozansky.

    Pertanto coloro che hanno creato questo pasticcio ritengono che, fino a quando questi obiettivi non saranno raggiunti, la guerra in Ucraina dovrà continuare, anche se si svilupperà un aperto conflitto tra la Russia e l'Occidente.

    "I falchi del partito della guerra non si rendono conto come la loro politica sia contraria agli interessi strategici di lungo termine degli Stati Uniti e trasformi un potenziale importante alleato come la Russia in un pericoloso nemico,"- afferma convinto Lozansky.

    Tags:
    Guerra, Occidente, Politica Internazionale, Geopolitica, Unione Europea, USA, Russia, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • avatar
      ox2009
      E i gonzi Ucraini credono che andando con l'america e la Nato per loro si aprirà una nuova vita, non sanno di quanto sia duro il tacco del capitalismo americano, lo chiedano ai reduci delle guerre, si informino prima di decidere.
    Mostra nuovi commenti (0)