15:17 12 Dicembre 2017
Roma+ 17°C
Mosca+ 0°C
    Iimportante e` che l'Europa abbia già iniziato ad aprire gli occhi. La recente visita dei parlamentari francesi in Crimea ne è una prova

    Engdahl: la pressione dell’Occidente ha ridato ai russi le forze

    © REUTERS/ Maxim Zmeyev
    Politica
    URL abbreviato
    0 380

    In Russia stanno succedendo delle cose strane: invece di sentirsi umiliata e messa in ginocchio dalle pressioni dell’Occidente, il paese sta vivendo un momento di revival.

    Questa e` l`opinione del politologo americano Frederich William Engdahl.

      La pressione sulla Russia da parte di Washington e della NATO ha avuto un risultato paradossale: gli abitanti di questo paese hanno ritrovato le forze per ridare alla Russia la gloria passata, ha scritto il politologo sulle pagine di New Eastern Outlook.

    "In Russia sta accadendo una cosa sorprendente, e non è forse quello che ci stiamo aspettando. Invece di sentirsi umiliato e messo in ginocchio, il paese sta vivendo quello che io chiamerei momento di revival, di rinascita della nazione", — sottolinea Engdahl. Secondo il politologo, il fattore più rassicurante di questo processo sono appunto le persone.

    Engdahl ricorda che nel 1994, quando è venuto per la prima volta in Russia, ha visto delle persone che si sentivano "umiliate fino all'ultima oncia della loro energia vitale". Oggi, a distanza di 20 anni, quando la Russia deve contrastare una minaccia esterna, i russi che egli ha avuto modo di incontrare stanno dimostrando orgoglio, mirano al risultato e vogliono far rinascere un qualcosa che era stato perso nel passato.

    Il politologo americano rileva che proprio i tentativi dell'Occidente di danneggiare ad ogni costo l'economia della Russia e Vladimir Putin, anche attraverso il conflitto in Ucraina, hanno creato la situazione in cui la Russia sta dimostrando delle nuove qualità positive della sua cultura e dei suoi cittadini.

    Secondo Engdahl, le sanzioni imposte alla Russia dagli USA e dall'UE sono servite soltanto a rendere più coesa la società russa. Molte persone si sono unite per protestare contro quello che sta accadendo in Ucraina. Ma non solo. Anche la popolarità di Vladimir Putin ne esce rafforzata. "I russi capiscono che i loro leader stanno facendo dei tentativi senza precedenti per creare un'alternativa a quello che loro vedono come il mondo americano, moralmente degradato e fallito", — sottolinea Engdahl.

    Sotto la pressione dell'Occidente la gente comincia a capire che è in grado di fare della Russia un paese dinamico, da XXI secolo, senza usare il modello americano ormai in declino", — riassume il politologo.

     

    Correlati:

    L’offensiva statunitense verso la Russia si sposta nei media
    Portavoce di Putin: nuove sanzioni USA non cambieranno la politica della Russia
    Tags:
    societa civile, Vladimir Putin, Occidente, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik