10:49 23 Luglio 2017
Roma+ 27°C
Mosca+ 16°C
    Finanziare l`esercito europeo spetta alla Germania. La Canceliera tedesca Angela Merkel e il Presidente di Comissione Europea Jean-Claude Juncker

    Contro chi viene creato l’esercito europeo?

    © REUTERS/ Yves Herman
    Politica
    URL abbreviato
    0 75322

    L’idea dell’esercito europeo, che sta prendendo piede in Europa dopo la dichiarazione di Jean-Claude Juncker, non piace a Washington.

    Gli USA vogliono dall'Europa un maggiore contributo finanziario e militare agli sforzi per la difesa di "interessi comuni nella sfera della sicurezza". E non si stancano di ripetere che sono soprattutto loro a finanziare la NATO.

             Qual'è lo scopo della proposta per la creazione di un esercito europeo? Significa che l'Europa sta cercando di uscire da sotto il controllo delgi USA? E se Bruxelles avesse un obiettivo diverso? Secondo il direttore dell'Istituto di studi politici Grigory Dobromelov,

           "Al momento è impossibile dire se si tratti di un tentativo di diventare autonomi dagli USA, perché la proposta di creare e finanziare un esercito unificato non è stata ancora formalizzata. Ci sono però due scenari. Il primo ci dice che nel contesto degli ultimi eventi geopolitici gli europei potrebbero pensare che la loro dipendenza politica e militare dagli Stati Uniti abbia raggiunto un livello critico. Siccome l'Europa non può creare un esercito forte in ciascuno dei paesi membri, perché in tal caso l'onere finanziario sarebbe insopportabile, potrebbe decidere di creare un esercito europeo unificato ad alta mobilità con un unico centro di coordinamento. D'altra parte, l'America ha più volte dichiarato che da parte dell'Europa vuole vedere una più attiva partecipazione ai conflitti locali e un maggior impegno finanziario. Per creare l'esercito europeo tutti gli Stati dell'Unione Europea dovranno aumentare le loro spese militari, e gli USA dovrebbero esserne contenti".

    È chiaro che la maggior parte delle spese dovrà essere finanziata dagli Stati più forti, in primo luogo dalla Germania. Anzi, l'esercito tedesco potrebbe diventare la base delle forze armate dell'Europa unita. Tuttavia per creare questo esercito ci vorranno parecchio tempo e tante risorse che in questo momento in Europa scarseggiano. Quindi, non è scontato che l'esercito europeo possa diventare un serio contrappeso politico agli USA.

    Un ruolo importante sarà svolto dalla Francia in qualità di potenza nucleare, dall'Italia, essendola un grande fornitore di armamenti, e dalla Spagna dal punto di vista dell'aeronautica. Gli altri paesi, evidentemente, dovranno contribuire non tanto con le risorse finanziarie, quanto con le loro risorse umane. Ciò riguarda i nuovi membri, cioè i paesi dell'Est. La Polonia, naturalmente, vorrà svogere un ruolo di rilievo, perché  in questo momento sta cercando di esercitare una seria influenza all'interno dell'Unione Europea. Tutto dipenderà dalla situazione finanziaria e dalla capacità dei politici europei di persuadere i governi e i parlamenti dei loro paesi della necessità di creare il nuovo esercito.

    "È importante anche il fattore della minaccia esterna, ma tale minaccia per gli europei non esiste neanche nel contesto del conflitto in Ucraina, perché l'Ucraina è abbastanza lontana da loro. Questo conflitto non è in Europa, ma ai confini dell'Europa", sottolinea il politologo Grigory Dobromelov.

    Correlati:

    Il presidente della Commissione Europea Juncker chiede di formare un esercito comune europeo
    Renzi: Italia contribuirà al piano Juncker con 8 miliardi
    Tags:
    esercito, NATO, Jean-Claude Juncker, Unione Europea, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik