20:51 02 Dicembre 2016
    Graffiti  patriotici a Mosca riguardo l`unione di Crimea alla Russia

    Le Pen: la Francia riconosca la Crimea come parte della Russia

    © Sputnik. Artem Zhitenev
    Politica
    URL abbreviato
    0 6921

    “Parigi deve accettare la scelta della Crimea,” esordisce Len Pen che precisa: “una scelta maturata durante il caos politico seguito al colpo di stato dello scorso anno, con cui militanti neo-nazi hanno organizzato una rivoluzione in Ucraina

    La Crimea infatti, continua Le Pen, non aveva altra scelta da quando "il potere a Kiev era divenuto illegale, e le autorità iniziarono a prendere decisioni che avrebbero portato ad una guerra civile".

     

    È interessante notare come nell'Ucraina post-Maidan, un blogger possa venire arrestato con l'accusa di "tradimento" per avere definito quella del Donbass una guerra civile. È accaduto al blogger ucraino Ruslan Kotsaba il 7 Febbraio. Kotsaba è attualmente detenuto a Ivano-Frankivsk in attesa di giudizio.

     

    L'espressione "colpo di stato" invece è stata a lungo tabù in Occidente, dove ha a lungo predominato la lettura di Maidan come "una pacifica manifestazione di piazza", che l'allora presidente ucraino Yanukovic avrebbe soppresso nel sangue.

     

    Ma un documentario trasmesso la scorsa settimana dalla BBC — "The untold story of Maidan massacre" — ha scosso dalle fondamenta tale lettura dei fatti affermando che "furono i maidanisti, per primi, a sparare sulla polizia".

     

    Le Pen ha poi sottolineato l'importanza, per la Francia e l'Europa, di riallacciare i legami con la Russia, essendo questa "un alleato naturale dell'Europa". E ha aggiunto: "Siamo pedine nel gioco d'influenza tra USA e Russia". "La Russia è un grande Paese, con un grande popolo, e numerosi interessi strategici comuni con l'Europa. Dobbiamo dialogare con la Russia"

     

    RT, che martedì pubblicava stralci dell'intervista di Le Pen al settimale polacco Do Rzeczy, ha ricordato altre sue recenti prese di posizione controcorrente.

     

    A inizio Febbraio, infatti, Le Pen non usava mezzi toni nel condannare l'atteggiamento della UE durante la crisi nel Donbass:

     

    "Riguardo l'Ucraina, ci comportiamo come lacchè degli USA, il cui intento è di iniziare una guerra in Europa per portare la NATO ai confini della Russia".

     

    Nella stessa occasione, Le Pen criticava duramente i leader europei per via del loro chiudere un occhio — aggiungiamo noi: entrambi — nei confronti dei "bombardamenti di civili" condotti dal governo di Kiev.

     

    Anche qui la stampa occidentale inizia a prendere atto di come stanno veramente le cose. La scorsa settimana il Financial Times ha pubblicato un articolo-reportage intitolato "School lessons and shelling forge new identity in East Ukraine" che da la parola — una prima assoluta tra i media mainstream occidentali — ai residenti del Donbass.

     

    Non a quelli filorussi, si badi. Ma a quei residenti di Donetsk e Lugansk che, inizialmente scettici verso le iniziative secessioniste dei miliziani filorussi, si sono poi dovuti ricredere dopo aver assistito — chi a Kiev, al disprezzo assoluto del governo centrale per gli abitanti di quelle regioni; chi nel Donbass ai "bombardamenti di civili" di cui parla Le Pen.

     

    Le Pen, ricorda ancora RT, "ha richiamato più volte la necessità di condurre negoziazioni su federalizzazione e riforme costituzionali per decentralizzare il potere, invece di tentare di risolvere la questione con mezzi militari".

     

     

     

     

    Tags:
    adesione di Crimea, Marin Le Pen, Crimea
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Top stories

    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      Vladimir Putin ha firmato una nuova dottrina di politica estera della Russia secondo la quale Mosca è pronta a dare a qualsiasi atto aggressivo da parte di Washington una risposta speculare o asimmetrica.

      41076
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      4425
    • Vladimir Putin

      di Paul Craig Roberts.

      71014
    • Sergio Zanotti

      Si infittisce il mistero sulla scomparsa dell'imprenditore italiano Sergio Zanotti, 56 anni, sequestrato in Siria da un gruppo di sedicenti (o reali?) terroristi e del quale si sa ancora poco.

      1613
    • Il premier italiano Matteo Renzi al summit UE.

      Negli ultimi giorni di convulsa campagna referendaria abbiamo assistito a funamboliche capriole elettorali da parte degli esponenti del governo Renzi, ma l'uscita più ardita rimane quella del premier, che ha tentato di sdoganarsi quale nemico dell'establishment che comanda in Europa.

      121513
    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      La Russia non cerca nemici, ma vuole essere artefice del proprio destino senza suggerimenti altrui non richiesti. Questa è la posizione in politica estera espressa dal presidente Putin davanti all’Assemblea Federale. Pronti a collaborare con Trump, perché dai rapporti bilaterali fra Stati Uniti e Russia dipende la sicurezza mondiale.

      0 631